Schio

Ex Ospedale De Lellis: “Da demolire o può essere riutilizzato in questa fare di emergenza?” VIDEO

I consiglieri del Centrodestra chiedono al Sindaco di fare chiarezza.

Schio e Valdagno, 17 Novembre 2020 ore 09:43

Schio. I consiglieri del Centrodestra chiedono al Sindaco, fare chiarezza sull’ex ospedale De Lellis? Da demolire o può essere riutilizzato in questa fase di emergenza?

Ex Ospedale De Lellis, la mozione

Dopo la proposta del Sindaco di Schio Valter Orsi di utilizzare l’ex ospedale De Lellis per l’emergenza sanitaria in corso, i consiglieri di minoranza del centrodestra Alex Cioni e Luigi Santi hanno depositato una mozione che sarà dibattuta nel prossimo Consiglio comunale.

Alloggi per pazienti Covid asintomatici

La vicenda trae spunto dalla proposta del consigliere della Lega Santi girata agli uffici comunali per utilizzare gli alloggi di proprietà pubblica per dare un’alternativa abitativa ai pazienti Covid asintomatici durante la fase di isolamento. Nei giorni scorsi il sindaco aveva replicato che il Comune non detiene alloggi disponibili e che in ogni caso non ne può disporre liberamente, rilevando nel contempo che per questo scopo potrebbe essere utilizzato l’ex ospedale De Lellis.

A stretto giro di posta è stato il capogruppo di SchioCittà Capoluogo – PrimaSchio Alex Cioni a rispondere al sindaco, facendo presente che in città “al mese di agosto risultavano liberi quattro alloggi di proprietà comunale destinati all’emergenza sociale abitativa per i quali non serve alcun bando al fine dell’assegnazione”.

Agibile o no?

Ma la partita vera è l’ex ospedale De Lellis. Con la mozione i due consiglieri chiedono al Sindaco di “verificare presso gli enti competenti  lo stato di agibilità, ovvero la certificazione di idoneità statica dell’ex ospedale per esaminare la fattibilità o meno di un riutilizzo temporaneo di una parte dello storico edificio o di altri edifici adiacenti, così da predisporre un “albergo Covid” che contribuirebbe ad aumentare i posti letto per i casi meno gravi, piuttosto che per i ricoveri cosiddetti sociali e per coloro che hanno bisogno di isolamento ma che non hanno a disposizione un alloggio adeguato”.

Nella mozione si ricorda che nel 2015 la medesima struttura rischiò di divenire un centro di smistamento per migranti scatenando le proteste trasversali del sindaco di Schio e dello stesso presidente Luca Zaia. “Una delle ragioni che impedirono alla prefettura di proseguire nel suo piano di creazione di un centro di smistamento al De Lellis – sottolineano Cioni e Santi – fu la presa d’atto che l’edificio è inagibile e che in quanto tale andrebbe demolito”.

“Fare chiarezza”

Con il passaggio in Aula i due consiglieri del centro destra chiedono al Consiglio comunale di dare mandato al sindaco “per fare chiarezza una volta per tutte sullo stato di salute dell’ex ospedale. Del resto – sottolineano i due consiglieri – se cinque anni fa non potevano essere ospitati i migranti, sarebbe utile capire su quali basi il sindaco, e con lui la sinistra cittadina, ritiene che nel 2020 possa ospitare i pazienti Covid”.

LEGGI ANCHE

Incidente mortale Roberto Grego, indagata l’automobilista che l’avrebbe causato: disposte autopsia e perizia cinematica

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità