Cronaca
Sossano

“Suo figlio non si comporta bene a scuola”, padre arrabbiato colpisce violentemente il bambino

Il giorno seguente il padre che era andato a prendere il figlio a scuola ha tentato di colpire nuovamente il bambino ma la maestra l’ha prontamente bloccato.

“Suo figlio non si comporta bene a scuola”, padre arrabbiato colpisce violentemente il bambino
Cronaca Colli Berici, 12 Maggio 2022 ore 11:17

La maestra aveva avvisato il padre che il figlio aveva avuto dei comportamenti inadeguati a scuola. Il padre non l’ha presa bene e ha deciso di colpirlo con violenza per sgridarlo.

“Suo figlio non si comporta bene a scuola”

E’ nei guai il 47enne ghanese residente a Sossano che ha colpito violentemente il figlio di 9 anni dopo che la maestra gli aveva spiegato che il piccolo non si era comportato bene. La Procura ha contestato all’uomo l’abuso di mezzi di correzione, uno compiuto e l’altro tentato. Il giudice ha emesso un decreto penale di condanna da diverse migliaia di euro però tramite l’avvocato il 47enne è pronto a dimostrare la sua innocenza.

I fatti risalgono al maggio 2018 quando, alla scuola elementare di Sossano, al papà del bambino (che all’epoca aveva 9 anni) la maestra aveva riferito che il piccolo non completava sempre i compiti e che non aveva dei comportamenti corretti in classe. Il 47enne era andato su tutte le furie e ha colpito con violenza il bambino, tanto da spaventare la maestra che aveva deciso di parlare con la dirigente scolastica dell’accaduto.

Ha tentato di colpirlo un’altra volta

Il giorno seguente, quando il 47enne è andato a riprendere il figlio al termine delle lezioni, avrebbe chiesto qualcosa al bambino. Dopo la risposta del figlio però il padre si è arrabbiato e ha tentato di colpire nuovamente il bambino ma la maestra l’ha prontamente bloccato. La maestra l’ha anche rimproverato spiegandogli che colpire il figlio non è il modo corretto di educare il proprio figlio.

La maestra aveva così deciso di segnalare nuovamente l’accaduto alla dirigente scolastica che ha deciso di informare i Carabinieri dei fatti. Sono state così avviare le indagini che hanno portato alla denuncia dell’uomo alla Procura.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter