Incidenti in montagna

Si accascia e cade nel vuoto, tragedia ieri sulla Sisilla: morto un 63enne

Numerosi gli interventi effettuati ieri dal Soccorso alpino. Purtroppo anche un mortale sulla Sisilla e diversi infortuni nel Vicentino.

Si accascia e cade nel vuoto, tragedia ieri sulla Sisilla: morto un 63enne
Schio e Valdagno, 29 Giugno 2020 ore 09:34

Non c’è stata tregua ieri, domenica 28 giugno, per le Centrali operative del 118 Veneto.

Purtroppo anche un incidente mortale sulla Sisilla

Ieri mattina alle 11.20 circa la Centrale del 118 di Vicenza ha allertato il Soccorso alpino di Recoaro – Valdagno per due escursionisti in difficoltà a tre quarti della Ferrata del Vajo Scuro, a 1.500 metri di quota. I due amici, entrambi trentaduenni di Padova, stavano salendo il percorso attrezzato, quando uno di loro si era fatto male a un braccio e non era più in grado di proseguire. Mentre una squadra si portava sul posto, un soccorritore, che si trovava nelle vicinanze, per primo ha raggiunto i due e, dopo averli assicurati, li ha calati per un centinaio di metri fino alla base della parete. Assieme agli altri soccorritori poi, i due escursionisti sono stati aiutati a risalire un altro tratto di ferrata per raggiungere il sentiero principale e da lì, in una mezz’ora a piedi, sono stati accompagnati al parcheggio. I due si sono poi allontanati autonomamente.

Si accascia e cade nel vuoto, tragedia ieri sulla Sisilla: morto un 63enne

Precipitato 63enne di Modena: non ce l’ha fatta

Attorno alle 14 il Soccorso alpino di Schio è stato allertato per un escursionista precipitato dalla Sisilla. L’uomo, 63 anni, di Modena, stava scendendo dalla cima lungo la normale con altre persone quando, poco sotto il tratto con la catena metallica, non si sa se a causa di un malore si è accasciato ed è caduto nel vuoto finendo alcune centinaia di metri più sotto. Una squadra di soccorritori è salita fino alla selletta della Sisilla per poi calarsi con le corde nel punto in cui si era fermato il corpo senza vita dell’uomo, mentre veniva verricellato il personale dell’elicottero di Trento. La salma ricomposta e imbarellata, è stata recuperata dall’eliambulanza per essere trasportata a valle e affidata al carro funebre.

Si accascia e cade nel vuoto, tragedia ieri sulla Sisilla: morto un 63enne

Altri infortuni

Mentre scendeva da un addestramento sul Monte Cornetto lungo la Strada del Re, una squadra del Soccorso alpino di Schio è stata richiamata da un gruppo di escursionisti, poiché una di loro, messo male un piede, era scivolata sbattendo un ginocchio. I soccorritori hanno raggiunto la 74enne di Vicenza e le hanno prestato le prime cure. Nel frattempo è stato fatto arrivare il fuoristrada, su cui è stata imbarcata la donna, per essere trasportata al Pian delle Fugazze, da dove si è allontanata autonomamente. Infine alle 16.50 la Centrale del 118 di Vicenza ha allertato il Soccorso alpino di Schio per una escursionista che si era fatta male al rientro dal Monte Priaforà. L’infortunata, 59 anni, di Schio (VI), stava scendendo con un’altra persona quando, superato il tratto attrezzato con una corda per corrimano, è scivolata ruzzolando per una cinquantina di metri nel bosco ripido e si è fermata dopo un salto di due metri sulla strada forestale sottostante. Cinque soccorritori si sono avvicinati in fuoristrada a Passo Campedello per poi raggiungere in un quarto d’ora a piedi il luogo dell’incidente. La squadra ha prestato le prime cure alla donna, che lamentava dolori alla schiena, al costato e a una caviglia, oltre ad aver riportato escoriazioni e contusioni. Sul posto sono quindi sbarcati con un verricello medico e tecnico di elisoccorso dell’elicottero di Verona emergenza, che hanno preso in carico l’infortunata. Stabilizzata e imbarellata, la donna è stata issata a bordo e trasportata all’ospedale di Borgo Trento. Il compagno è rientrato con i soccorritori al parcheggio.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità