Vigili del fuoco

Il trattore si rovescia mentre falcia i campi, scampato pericolo per un agricoltore di Montegalda

Fortunatamente, l'agricoltore è rimasto solo ferito dall'incidente: preso in cura dal personale Suem, è stato trasferito in ospedale

Il trattore si rovescia mentre falcia i campi, scampato pericolo per un agricoltore di Montegalda
Pubblicato:
Aggiornato:

Nella serata di ieri, martedì 9 luglio 2024, i vigili del fuoco sono intervenuti a Montegalda a seguito del rovesciamento di un trattore.

Scampato pericolo

L'incidente sul lavoro si è verificato verso le 19.30 di ieri, 9 luglio 2024: i vigili del fuoco di Vicenza sono intervenuti in via Castello a Montegalda per un trattore finito rovesciato durante dei lavori di sfalcio.

A rimanere ferito è l'agricoltore alla guida del mezzo, che è stato preso in cura dal personale sanitario Suem, stabilizzato e portato in ospedale. Nel frattempo, i pompieri hanno messo in sicurezza il trattore.

Ancora in corso sono le indagini per capire come sia avvenuto l'incidente. Sul posto, anche i Carabinieri e il personale dello Spisal, per accertare le cause del sinistro. Le operazioni di soccorso si sono concluse dopo circa un'ora e mezza.

Gli ultimi incidenti sul lavoro

Di incidenti dovuti al rovesciamento di trattori se ne è parlato non molto tempo fa. Tuttavia, a differenza dell'episodio di ieri sera a Montegalda, questi incidenti si sono rivelati mortali.

Lo scorso 17 giugno, per esempio, a Lusiana Conco un agricoltore 68enne è rimasto schiacciato dal proprio trattore. Mentre si trovava a bordo del proprio cingolato, a sua volta trainato da un altro mezzo, il trattore avrebbe iniziato muoversi in un tratto in salita. Spaventato, è caduto a terra è stato schiacciato dal mezzo, ribaltatosi a causa della pendenza della strada. Ne abbiamo parlato nel seguente articolo.

Un altro incidente con il trattore è avvenuto lo scorso 20 giugno ad Almisano di Lonigo, dove un uomo anziano ha travolto la moglie con il trattore, mentre faceva manovra. Ne abbiamo parlato nel seguente articolo.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali