Cronaca
Bassano del Grappa

Fisioterapista non vaccinato scoperto a lavorare: sequestrato ambulatorio medico

Il fisioterapista praticava un trattamento di “riabilitazione respiratoria” a un paziente in regime di libera professione.

Fisioterapista non vaccinato scoperto a lavorare: sequestrato ambulatorio medico
Cronaca Bassano, 10 Gennaio 2022 ore 09:20

Nei giorni scorsi, i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Vicenza hanno espletato attività di controllo economico del territorio volte a verificare il rispetto della normativa per il contenimento della diffusione del contagio da COVID-19.

Fisioterapista non vaccinato scoperto a lavorare

Le operazioni di servizio hanno permesso di individuare e denunciare un fisioterapista – inottemperante all’obbligo vaccinale – che esercitava abusivamente la propria professione; è stato, così, sequestrato, in via preventiva, l’ambulatorio privato dove praticava il proprio lavoro.

È questo il bilancio dell’attività condotta dal Gruppo della Guardia di Finanza di Bassano del Grappa che ha messo sotto osservazione i soggetti che evidenziano maggiori alert di rischi per il compimento di condotte illecite.

In particolare, avvalendosi delle informazioni presenti nelle banche dati in uso al Corpo, hanno avviato delle autonome investigazioni nei confronti di quelle figure “esercenti le professioni sanitarie” e “operatori di interesse sanitario” che eseguono prestazioni, seppur già destinatari di provvedimenti di sospensione dall’Ordine professionale di riferimento su segnalazione dell’Autorità Sanitaria, continuando a svolgere la libera professione presso gli studi medici di proprietà o presso ambulatori di terzi.

In tale contesto, è stato individuato un fisioterapista, operante nel Comune di Bassano del Grappa e iscritto all’albo della Federazione Nazionale degli Ordini dei Tecnici Sanitari Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche della Riabilitazione e della Prevenzione, che praticava fisioterapia a vari clienti, seppur sospeso dall’esercizio dell’attività sanitaria, poiché non si è attenuto alla normativa nazionale connessa all’obbligo vaccinale.

Le investigazioni, complessivamente svolte, eseguite mediante mirate osservazioni, controlli e pedinamenti e acquisizioni di altre sommarie informazioni dai clienti, hanno permesso di cogliere, in flagranza di reato, un fisioterapista che praticava un trattamento di “riabilitazione respiratoria” a un paziente (i pazienti affetti da tali disturbi, lavorano a stretto contatto non solo con i medici, ma anche con fisioterapisti, psicologi, e dietisti) – in regime di libera professione.

I finanzieri bassanesi, ritenendo sussistere in capo al fisioterapista gravi indizi in ordine alla fattispecie di esercizio abusivo della professione, hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Vicenza il professionista per il citato reato e, dopo aver eseguito una perquisizione del locale adibito ad ambulatorio, hanno proceduto al sequestro preventivo d’iniziativa dell’ambulatorio, ricavato all’interno di un’erboristeria, e del lettino sanitario utilizzato, atteso che la libera disponibilità dei luoghi e dell’attrezzature potesse aggravare o protrarre le conseguenze del reato.

Si rappresenta che la misura è stata adottata di iniziativa da parte del Gruppo della Guardia di Finanza di Bassano del Grappa e che, per il principio della presunzione di innocenza, la consapevolezza della persona sottoposta ad indagini in relazione alla vicenda sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna.
L’A.G. competente, condividendo le ipotesi investigative degli inquirenti ha emesso apposito decreto di convalida.
L’attività di servizio, che è stata eseguita in un momento caratterizzato dalle difficoltà generate dall’emergenza epidemiologica in atto, è l’esempio dell’impegno della Guardia di Finanza a contrastare, in un’ottica trasversale, ogni forma di illecito in materia di spesa pubblica e sanitaria.

Importante forma di tutela dei cittadini

Il direttore generale dell’Ulss 7 Pedemontana Carlo Bramezza ha commentato l’operazione condotta dal Gruppo della Guardia di Finanza di Bassano del Grappa in merito all’esercizio abusivo della professione sanitaria:

"Mi complimento con il Maggiore Potenza e con i suoi collaboratori del Gruppo della Guardia di Finanza di Bassano del Grappa per l’operazione condotta. Innanzitutto perché rappresenta un’importante forma di tutela dei cittadini in un momento di massimo rischio di contagio. Inoltre si è trattato di un’operazione all’insegna della chiarezza e della trasparenza, che ci consente di riaffermare ancora una volta che esiste un sistema anche di controlli che funziona, senza eccezioni, e che non possono esserci scorciatoie per quei sanitari che continuano a esitare di fronte alla vaccinazione, nonostante ogni evidenza scientifica. Tanto più mentre la grandissima parte dei loro colleghi sta lavorando senza sosta per gestire le conseguenze di questa nuova ondata di contagi e ricoveri".