Elezioni 2019 Monte di Malo Mosè Squarzon è candidato sindaco

Obiettivi? «Riuscire ad invertire la controtendenza di quello che è un decadimento demografico, incrementando le nascite con un progetto specifico rivolto alla natalità, incrementando anche gli abitanti che scelgono la nostra cittadina quale meta per ritrovare tranquillità e serenità».

Elezioni 2019 Monte di Malo Mosè Squarzon è candidato sindaco
Politica Schio e Valdagno, 04 Maggio 2019 ore 11:00

Elezioni 2019 Monte di Malo Mosè Squarzon è candidato sindaco

Le elezioni amministrative in alcuni comuni dell’alto vicentino si avvicinano sempre di più, ed anche a Monte di Malo per Mosè Squarzon, attuale primo cittadino, è arrivato il tempo di fare i bilanci.

In questi primi cinque anni di mandato che bilancio si sente di fare come primo cittadino?

«Sono stati cinque anni molto difficoltosi sotto certi punti di vista, non nascondo di essere stato molto spesso ai limiti di abbandonare e rinunciare al secondo mandato, per le numerose difficoltà che abbiamo dovuto affrontare. I cicli di viaggio e gli spazi di fattibilità e poi il pareggio di bilancio non ci hanno certo aiutato nell’impresa di accontentare tutte le molteplici richieste della popolazione; con così poche risorse a disposizione del nostro comune non è stato facile, considerando l’ampiezza del territorio, con un avanzo di neanche 65 mila euro. Solo centellinando al massimo ogni risorsa disponibile siamo riusciti ad intraprendere e realizzare alcune opere di intervento importanti, grazie anche ad un contributo regionale come la ricostruzione in toto della nuova palestra comunale e la realizzazione di una nuova scuola secondaria. Proprio in questi giorni dovrebbero infatti essere aperte le buste per l’esecuzione dei lavori. Un aiuto concreto per realizzare queste nuove importanti opere arriverà a breve anche dal Ministero del tesoro che sbloccherà ed invierà all’amministrazione cittadina un contributo di 930mila euro per l’inizio dei lavori di realizzazione di una scuola sicura ed una nuova palestra».

Progetti futuri per il prossimo quinquennio?

«In primis vogliamo portare a termine la palestra e la nuova scuola sicura per i nostri ragazzi e per la nostra comunità. Il 20 maggio dovrebbero anche iniziare i lavori di messa in sicurezza di via Antonella e via Cerina che saranno rimesse in sicurezza grazie ad un altro contributo in arrivo dal governo centrale di Roma, e sopratutto cercheremo di promuovere grandi occasioni per Monte di Malo di fungere da attrattiva per tutto il territorio circostante, puntando anche a rafforzare la vivibilità e le possibilità turistiche della zona».

Il suo obiettivo più grande oggi?

«Riuscire ad invertire la controtendenza di quello che è un decadimento demografico, incrementando le nascite con un progetto specifico rivolto alla natalità, incrementando anche gli abitanti che scelgono la nostra cittadina quale meta per ritrovare tranquillità e serenità».