Sciopero a oltranza

Abb Marostica: l'azienda non incontra i sindacati, Donazzan si appella al Ministero

Il gruppo opera in Italia con deine di unità produttive e oltre 4500 dipendenti. L'assessore regionale: "Così si vanifica un ulteriore tentativo di salvataggio della continuità produttiva e occupazionale del sito vicentino".

Abb Marostica: l'azienda non incontra i sindacati, Donazzan si appella al Ministero
Politica Vicenza, 29 Giugno 2021 ore 10:55

La Multinazionale ABB ha declinato l'invito a partecipare all'incontro regionale, fissato per domani con le varie parti interessate, mirato ad approfondire una proposta di completa reindustrializzazione del sito di Marostica e del suo personale, pervenuta da un'azienda del territorio nelle settimane scorse.

Abb Marostica: l'azienda non incontra i sindacati, Donazzan si appella al Ministero

Uno sciopero a oltranza. Non ci sarebbe altra soluzione per tentare risolvere le criticità. E' quanto emerge in seguito al mancato accordo tra le parti dopo che Abb di Marostica, avendo comunicato la chiusura del polo industriale vicentino, ha poi fatto sapere che non avrebbe partecipato al "tavolo" regionale su invito del Ministero.

Un incontro, fanno sapere i sindacati, nato proprio per trovare un accordo, per evitare licenziamenti, per garantire, in altre parole continuità occupazionale e produttiva nel vicentino. Anche perché l'incontro saltato sarebbe arrivato dopo quello avvenuto nella sede del Ministero dello Sviluppo giovedì 24 giugno 2021, al termine del quale già si sarebbero capite le intenzioni dei vertici aziendali, tese a non trattare con i nuovi potenziali acquirenti.

“Con questa comunicazione – spiega l’assessore regionale al Lavoro, Elena Donazzan - viene così vanificato un ulteriore tentativo di salvataggio della continuità produttiva e occupazionale del sito vicentino di ABB, che sarebbe dovuto seguire l'incontro del 24 giugno scorso, organizzato dal Mise”.

"Esprimo il mio rammarico e disappunto per l'atteggiamento assunto da ABB rispetto alla disponibilità dichiarata nei mesi scorsi, alle Istituzioni e alle Organizzazioni sindacali, ad avviare un percorso finalizzato alla prosecuzione delle attività produttive e alla salvaguardia occupazionale del sito di Marostica - prosegue l'Assessore regionale -.

Anche in sede ministeriale i vertici aziendali non hanno inteso spiegare le loro determinazioni. In aggiunta a ciò, ABB non ha ritenuto neanche di esplicitare quelle che ritiene essere le condizioni minime per avviare un'analisi di sostenibilità tecnica su qualsivoglia progetto di subentro.

Tali comportamenti sono offensivi nei confronti di tutti i soggetti che si sono adoperati per fornire una risposta industriale alla chiusura del sito vicentino. Atteggiamenti ancor più da stigmatizzare perché intrapresi da un Gruppo che opera in Italia con decine di unità produttive e oltre 4500 dipendenti".

"Ho chiesto pertanto al Ministero dello Sviluppo Economico – conclude l’assessore Donazzan - di valutare ogni azione utile per ricondurre ABB al senso di responsabilità e a un maggior rispetto per il nostro Paese e i suoi lavoratori”.