Menu
Cerca

Si investe nella scuola: Rinnovata l’illuminazione e la biblioteca

Rinnovata anche la convenzione con l’istituto «U. Bombieri».

Si investe nella scuola: Rinnovata l’illuminazione e la biblioteca
Economia , 08 Dicembre 2019 ore 11:30

Lo scorso giovedì 5 dicembre la città di Pove del Grappa ha inaugurato la nuova biblioteca e la rinnovata illuminazione a led alla Scuola Primaria.

Si investe nella scuola: Rinnovata l’illuminazione e la biblioteca

L’Amministrazione comunale, infatti, è molto attenta alle necessità della scuola, tanto che proprio in questi giorni è stata rinnovata la convezione con l’Istituto «U. Bombieri». La convenzione prevede una compartecipazione sia nella spesa di materiale di consumo, di pulizia e di cancelleria ma anche una compartecipazione nella spesa da sostenere per iniziative e progetti aventi una forte valenza educative e culturale. Per esempio si può citare il progetto affettività e tutte le altre iniziative a scopo formativo, senza dimenticare il sostegno previsto per le uscite didattiche, che si concretizza nella compartecipazione della spesa di circa 2mila 500 euro per il trasporto.

4 foto Sfoglia la gallery

«La nuova biblioteca scolastica dà un valore aggiunto alla nostra scuola, favorirà l’avvicinarsi dei bambini alla lettura e permetterà alle insegnanti di promuovere nuove iniziative culturali» afferma l’assessore all’istruzione Silvia Fiorese.

A cambiare, però, è stata anche l’illuminazione.

«Abbiamo utilizzato dei fondi statali per un totale di 50mila euro – afferma il primo cittadino Francesco Dalmonte – puntando alla sostituzione di tutte le vecchie luci delle scuole primarie e delle scuole secondarie di primo grado, sulla messa in sicurezza dei serramenti interni e sul sistema antincendio. Le nuove lampade che sono state disposte nella struttura rispettano uno studio illuminotecnico. Infatti sono a led e fanno una luce uniforme in ogni angolo delle aule e delle parti comuni. Alle scuole primarie sono inoltre arrivati i nuovi portatili per sostituire tutti i vecchi computer e delle lavagne interattive multimediali. Una novità che è stata presentata riguarda le scuole secondarie di primo grado, abbiamo infatti acquistato una nuova stampante 3D, che andrà ad integrare l’aula informatica già di alto livello».