Cultura

«Voices of Joy», la musica è lingua universale

Nato nel 2002 e fondato da Marianna Bordignon, l’ensemble, eccellenza dell'intero territorio bassanese, è alla ricerca di nuovi talenti.

«Voices of Joy», la musica è lingua universale
Cultura Bassano, 25 Giugno 2019 ore 17:30

«Voices of Joy», la musica è lingua universale

Si sono appena conclusi gli appuntamenti delle prime audizioni all'Oratorio Don Bosco. A settembre sarà organizzata la seconda tornata. La ricerca è quella di nuove voci, talenti, giovani desiderosi di mettersi in gioco e sognare con la musica. L'ensemble vocale «Voices of Joy», nato a Cusinati nel 2002 e diventato oggi un'eccellenza dell'intero territorio bassanese con concerti e spettacoli a carattere sociale e culturale di diverso genere, apre le porte del proprio gruppo alla ricerca di nuovi artisti da inserire nella formazione in vista di prossimi grandi progetti. A parlarne è il maestro Marianna Bordignon, insegnante di musica e impegnata in tante attività sociali e culturali.

Qual è la storia dell'Ensemble e come si è evoluto nel tempo?

«“Voices of Joy”, è un gruppo vocale formato da ragazzi provenienti dalle zone limitrofe a Bassano del Grappa. I “Voices” sono uniti dalla voglia di cantare e dall’amore per la musica intesa come linguaggio accessibile a tutti che porta con sé un bagaglio di emozioni e sentimenti al di là di ogni lingua parlata. Il repertorio si rifà al genere gospel-spiritual e Musical senza dimenticare le melodie classiche della musica liturgica eseguite per cerimonie nuziali. I “Voices” sono convinti che la musica rappresenti un linguaggio universale in grado di sovrastare tutti i confini delle varie etnie umane. Con esperienza decennale ci siamo esibiti in eventi culturali e sociali anche di grosso rilievo, rassegne musicali e corali affiancando all'uso corretto dello strumento voce anche semplici coreografie accompagnate da strumenti musicali quali la batteria, il pianoforte, il basso e la chitarra elettrica».

Perché queste nuove audizioni?

«Sono state volute e organizzate perché vogliamo integrare l'ensemble vocale con nuove voci da inserire nei prossimi spettacoli e offrire soprattutto ai giovani un'esperienza vocale di crescita artistica. Le audizioni sono rivolte a tutti, dai 18 anni in su, in particolar modo alla fascia giovanile ma non solo. Per partecipare bisogna portare un brano a piacere con o senza base di qualsiasi genere musicale».

Quali requisiti bisogna avere per partecipare?

«I requisiti sono l'intonazione in particolar modo, oltre alla voglia di mettersi in gioco. Per chi fosse alle prime armi con la vocalità,  nessun problema, da settembre ci sarà  per i partecipanti un preparatore vocale. I talenti verranno valutati in base l'intonazione e al ritmo. Per partecipare è sufficiente inviare una richiesta tramite i contatti che si trovano nei nostri social (Facebook/Instagram) e per ogni candidato sarà fissato un appuntamento».

Quali sono i progetti futuri?

«Stiamo valutando l'eventualità di mettere in scena un nuovo musical e forse un progetto di musica pop per il futuro senza tralasciare comunque il repertorio gospel su cui abbiamo lavorato lo scorso anno raccontando per la prima volta sopra ad un palco la vera storia del gospel».

«La musica è un valore importantissimo per il miglioramento di noi stessi e degli altri - aveva commentato il Maestro Marianna Bordignon in una precedente intervista - Ci insegna il rispetto, la collaborazione, il mettersi in gioco nonostante le difficoltà e, cosa fondamentale, ci insegna ad Ascoltare con la A maiuscola».

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter