Rassegna musicale "Femminile singolare" torna a Valdagno

Otto appuntamenti in alcune delle quinte più scenografiche della città

Rassegna musicale "Femminile singolare" torna a Valdagno
Cultura , 02 Giugno 2019 ore 17:44

La rassegna musicale "Femminile Singolare" torna a Valdagno per la sua nona edizione dal 30 giugno al 4 agosto. Otto appuntamenti in alcune delle quinte più scenografiche della città

Rassegna musicale "Femminile singolare" torna a Valdagno

Per l'estate l'ormai affermato festival musicale al femminile si prepara per un totale di otto appuntamenti in alcune delle quinte più scenografiche della città: dal cortile di Palazzo Festari a Castelvecchio, dal Parco la Favorita al cortile di San Lorenzo. Si parte il 30 giugno per concludere il 4 agosto.

Da sempre la rassegna ha guardato con interesse a formazioni composte in toto o in parte da artiste, con uno sguardo rivolto alle artiste del territorio e ai loro progetti musicali, senza però far mancare la ricerca anche di progetti provenienti da altre Regioni o Paesi.

Le voci già transitate sul palco di Femminile Singolare, oltre a far conoscere la rassegna in un'ampia fetta di pubblico proveniente da tutta la provincia e oltre, hanno qualificato la proposta valdagnese quasi come “talent scout” nell’ambito della musica al femminile. Le scelte sono ricadute infatti su artiste riconosciute con premi prestigiosi (Targa Tenco, Premio Parodi, Premio Bianca d'Aponte) ma a volte meno note al grande pubblico.

La rassegna presta particolare attenzione a scelte autoriali e quindi a progetti musicali originali e di ricerca più che a cover band. Il festival è, inoltre, attento ai progetti indipendenti, ai gruppi e alle formazioni che portano avanti con passione la loro propria personale ricerca autoriale sia nella forma espressiva che nei contenuti.

La rassegna, negli anni, ha rivolto sempre più lo sguardo alla musica tradizionale, da alcune edizioni molto presente nella programmazione, allo scopo di far conoscere e diffondere l'espressione delle tradizioni musicali regionali e delle diverse culture.

Il programma della rassegna musicale

  •  30 giugno, ore 18.00 - Bar La Favorita

Ilaria Fantin – Hersi Matmuja “Hana”

Il progetto prende ispirazione dalla luna, la cui traduzione è Hana in gegë, dialetto parlato al Nord dell’Albania. Il concerto, un repertorio originale e coinvolgente, rende omaggio a diverse comunità in viaggio nel tempo e nelle storia, raccontando la dolcezza e la tristezza di esodi e rimpatri o volteggiando allegramente grazie ad alcune passionali danze tradizionali dal tempo composto.

 

  •   5 luglio, ore 21.00 - Cortile di Palazzo Festari

MOSAICANTOS “Cancion Mujer”

Trio di recente formazione, conta su componenti con esperienze artistiche diverse. Lo spettacolo “Cancion Mujer” contiene una dedica a tutte le donne, alla loro individualità, mutevolezza e ricchezza di energia del corpo e dell’anima, ma anche a tutti coloro – uomini e donne – che a ogni latitudine, si battono, condividono e partecipano alla costruzione di ciascun essere umano.

I brani provengono dalla cultura ispano-americana, andalusa, iberica, sefardita, italiana con alcune incursioni di temi originali e/o versi poetici in alcuni progetti speciali. Formazione: Gianpaolo Casella – tromba, flicorno, percussioni; Lara Patrizio – voce, fisarmonica, oggetti sonori; Antonello De Lisi – chitarre, tiple, cuatro.

 

  • 7 luglio, ore 5.00 - Castelvecchio ALBA MUSICALE

O VIVE ROSE ENSEMBLE – Gruppo del Conservatorio di Vicenza

Spesso dai testi delle arie antiche si trova la figura femminile, talvolta adorata talvolta disprezzata. Ma coincide con l'immagine che emerge quando è la donna a prendere parola? L'Ensemble O Vive Rose ne propone uno scorcio sia attraverso brani in cui la donna è fonte d'ispirazione sia dove è soggetto ispirato: dall'amore dormiglione di Barbara Strozzi agli inni sacri di Hildegard Von Bingen, dalla disprezzata regina di Monteverdi al culto mariano delle antiche cantigas.

 

  • 12 luglio, ore 21.30 - Parco La Favorita

Cristina Donà E Ginevra Di Marco “Così vicine"

Un concerto che prende spunto dal repertorio delle due artiste con una scaletta dove le canzoni si intrecciano, le anime si fondono in un solo canto, due grandissime voci per la prima volta insieme in un concerto dedicato alla loro lunga e prestigiosa storia artistica. Una grande cantautrice, una grande interprete, due cantanti che hanno creato un modello a cui si rifanno molte voci femminili delle attuali generazioni. Con loro sul palco: Francesco Magnelli (piano e magnellophoni), Andrea Salvadori (chitarra, loop, tzouras), Luca Ragazzo (batteria), con l’aggiunta del produttore e co-autore degli ultimi dischi di Cristina Dona’, Saverio Lanza (chitarra).

Ingresso a pagamento.

 

  • 19 luglio, ore 21.00 - Cortile di Palazzo Festari

Francesca Incudine
Targa Tenco per il miglior disco in dialetto, Premio Bianca d'Aponte e premio della critica Fausto Mesolella: tra le giovani realtà più interessanti della world music italiana. Francesca Incudine, cantautrice siciliana è un'artista sensibile e inquieta, come il titolo del suo secondo disco, “Tarakè”, una parola che deriva dal greco e significa scompiglio, turbamento. È quel fiore conosciuto anche come soffione, che pare esaudisca i desideri quando, grazie ad un alito, i suoi semi si disperdono nel vento. Propone un live di grande impatto; si muove tra canzone d'autore e world music per raccontare di viaggi, di speranza, di coraggio e di cambiamento.

 

  • 23 luglio, ore 21.00 - Cortile Palazzo Festari

MUJERES CREANDO
La band “Mujeres Creando”, composta da musiciste napoletane, sperimenta sonorità il cui fil rouge è costituito dall’originale set strumentale utilizzato: violino, fisarmonica, chitarra crossover,percussioni e loop station.

 

  • 2 agosto, ore 21.00 - Cortile di Palazzo Festari

Elisabetta Antonini e Marcella Carboni “Nuances”
Progetto unico nel suo genere, "Nuances" è il frutto di un incontro creativo tra arpa e voce, l'esplorazione delle innumerevoli sfumature timbriche di due strumenti che alla propria ricchezza aggiungono i chiaroscuri e l'espressività delle ambientazioni elettroniche create da filtri ed effetti sonori. Abbracciando il jazz, la canzone, la musica colta e l'improvvisazione, il duo scivola elegantemente fra brani originali e composizioni di Ralph Towner, Kenny Wheeler, Tom Jobim e Guinga.

 

  • 4 agosto, ore 18. 00 - Bar La Favorita

Blue Trio

Formato da tre musiciste diplomate brillantemente rispettivamente presso I Conservatori di Venezia, Vicenza e Castelfranco Veneto: Sabina Bakholdina al violino, Angelica Pianegonda al clarinetto e Benedetta Baravelli al violoncello.