Menu
Cerca

Marostica, si arricchisce la stagione teatrale al Ridotto del Teatro Politeama

Da settembre ad aprile, tredici spettacoli in cartellone, con produzioni originali, prime nazionali, prestigiosi ospiti.

Marostica, si arricchisce la stagione teatrale al Ridotto del Teatro Politeama
Cultura Bassano, 15 Settembre 2019 ore 14:00

Marostica, si arricchisce la stagione teatrale al Ridotto del Teatro Politeama

Si arricchisce la proposta teatrale della Città di Marostica grazie alla nuova stagione firmata da ATS Teatro di Comunità, l’associazione composta da Teatris, Argot Produzioni e La Piccionaia, che in questi ultimi due anni ha animato con successo il Ridotto del Teatro Politeama, ma che soprattutto ha acceso in città un faro sulla passione teatrale, proponendo spettacoli (non solo in teatro) e formando una comunità di attori e spettatori.

Nel programma, quattro produzioni originali di Teatris, realizzate con il sostegno di Argot e La Piccionaia (Il Cappuccio d’osso della luna, Canto di Natale, Aspettando Godot, Una giornata particolare)due prime nazionalinate in residenza (Il mio Coppi, The Man of Jesus) e sette prestigiose ospitalitàche abbracciano teatro contemporaneo e sperimentale ma anche danza, oltre ad una nuova proposta per le scuole e per le famiglie.

Una stagione all’insegna delle costellazioni familiari e di gruppospiega il direttore artistico Maurizio Panici“dove il teatro va oltre la semplice rappresentazione e, prendendoci per mano ,si fa enzima attivo di una comunità che si ritrova a guardarsi rendendosi protagonista dell’atto creativo.”

Come Amministrazione riteniamo fondamentale e innovativo il progetto del Teatro di Comunità perché permette di valorizzare il territorio e promuovere la nostra cultura e la nostra storia”dichiara Marialuisa Burei, consigliere delegato per le Attività teatrali “Si tratta inoltre di un’importante iniziativa sociale che coinvolge e unisce persone e associazioni e che può nel futuro creare possibili opportunità lavorative. Il teatro non deve essere più considerato come una rappresentazione all’interno di una sala. La stessa città, le sue frazioni, le sue strade possono diventare il palcoscenico che spetta a noi cittadini popolare”.

 Inaugurata la stagione il 14 settembre (con replica il 15 settembre) “Il Mio Coppi” (testo di Albe Ros e Daniela Morelli), una delle due prime nazionali nate in residenza al Teatro Politeama. L’altra è l’evento speciale “The Man Of Jesus”(testo di Mattew Hurt con Roberto Ciufoli e le musiche di DJ Papa) in programma il 4 e 5 aprile. Entrambigli spettacoli portano la firma del direttore artistico del Teatro di Comunità Maurizio Panici che metterà in scena anche le nuove produzioni Teatris: “Il Cappuccio d’osso della luna”di Cristina Cirilli (16 e 17 novembre); “Aspettando Godot” (25 e 26 gennaio 2020)di Samuel Beckett, uno dei capolavori del teatro del novecento; la coproduzione di “Gioco al massacro” (5 e 6 ottobre)inedito testo ispirato al film Carnagedi Roman Polanski con Alessandra Niero, Luca Liviero, Marco Barbiero e Sara Tamburello, e “Una giornata particolare”(29 febbraio 2020), dal film omonimo di Ettore Scola.

In scena anche prestigiose ospitalità: “H Il campione del mondo” (26 ottobre), produzione di TrentoSpettacoli, ispirato alla figura di Hernest Hemingway; “Harrogate” (18 e 19 gennaio), testo di Al Smith per la regia di Stefano Patti, con una coppia di attori straordinari (un Premio Ubu come attrice emergente, Alice Spisa, e il sorprendente Marco Quaglia); un testo di Stefano Benni, “Grimilde” (15 febbraio), magistralmente interpretato da Alessandra Niero; un testo interpretato da Francesco Gerardi per la regia di Gigi Dall’Aglio sull’assassinio di Aldo Moro, “La ferita nascosta” (14 marzo).

Brilla in cartellone l’ospitalità di una dellecompagnie di danza più importanti del panorama italiano, Abbondanza/Bertoni, che mette in scena “Figli del Big Bang”(7 dicembre) con una straordinaria Valentina Dal Mas. Trova la sua collocazione in una stagione all’insegna del contemporaneo anche una delle compagnie più innovative e più seguite del Veneto, Amor Vacui, con lo spettacolo pluripremiato ed acclamato “Intimità” (27 marzo): un‘indagine intima ed estremamente delicata sul tema dell’amore.

Da noi perdere, poi, la proposta speciale per le famiglie,“Canto di Natale”(14 e 15 dicembre per la regia di Tiziano Panici), una delle opere più famose e popolari di Charles Dickens, una favola sull’importanza del Natale e sulla riscoperta dei sentimenti.

 La nuova stagione, inoltre, inaugura la Proposta Teatro Ragazzi per le Scuole, a cura diLa Piccionaia,con l’intento di offrire ai giovanissimi spettatori il meglio della produzione teatrale creata appositamente per loro. Ecco allora gli originali teleracconti “Cappuccetto Rosso ed altre storie”(7 novembre) e “Mirta sulla coperta”(10 e 11 dicembre, commissionato dal Centro per l’Affido e la Solidarietà Familiare di Bassano del Grappa), e lo spettacolo “Cucù!”, dove due giovani attrici assieme a Ketti Grunchi indagano il meccanismo della risata nella fascia 1- 5 anni (10 marzo).

In parallelo all’attività di spettacolo,ATS Teatro di Comunità ha attivato diversi laboratori di formazione: corso base di disegno e pittura; corso di teatro per ragazzi e bambini; corso di connubio fra danza e teatro (Danza Crea); il laboratorio “Narrami” di storytelling, scrittura creativa e lettura ad alta voce; e “Corpo-voce-emozione”, entrambi diretti da Maurizio Panici.

Le attività dell’Associazione sono realizzate con il sostegno della Città di Marostica e con il contributo di Fondazione Banca Popolare di Marostica Volksbank.