Menu
Cerca

“Figli del Big Bang”, ovvero il pianeta che fu o che sarà

Sabato 7 dicembre al Teatro Politeama la Compagnia di danza Abbondanza Bertoni, con Valentina Dal Mas, racconta il “pianeta 4181”.

“Figli del Big Bang”, ovvero il pianeta che fu o che sarà
Cultura Bassano, 04 Dicembre 2019 ore 14:30

La Compagnia Abbondanza/Bertoni eLa Piccionaia Centro di produzione teatrale, nell’ambito della stagione teatrale della Città di Marostica, sabato 7 dicembre (ore 21) portano in scena al Ridotto del Teatro Politeama lo spettacolo “Figli del Big Bang”, di e con Valentina Dal Mas, realizzato con il sostegno di Festival Danza in Rete, organizzato dal Teatro Comunale di Vicenza. Il testo di Valentina Dal Masè originale. La direzione tecnica è affidata a Martina Ambrosini.

“Figli del Big Bang”, ovvero il pianeta che fu o che sarà

“Figli del Big Bang” racconta di un pianeta, il pianeta 4181, abitato da forme di geometria e di come conducono la loro esistenza. Esiste un grado di parentela tra quello e il nostro pianeta Terra? Entrambi sono figli di un’esplosione. Potrebbero essere cugini, fratelli, o addirittura fratelli gemelli. Potrebbero condividere simili vicende d’innamoramento adolescenziale, di schieramenti ideologici, di mescolanze impreviste che generano “forme mai viste prima”, di tragedie domestiche, di arrivi non proprio desiderati, di speranza collettiva, di luce, di buio e di un punto di colore come quando il sole mattutino sbuca fuori dal mare. “Figli del Big Bang” potrebbe risolvere il mistero del Triangolo delle Bermuda. Quel luogo triangolare che si trova sul pianeta Terra e che ha visto la sparizione di numerose navi finite chissà dove. Bermuda o non Bermuda, il pianeta 4181 è lì, parallelo al nostro. Ci chiede di sederci a tavola con lui come due persone che si raccontano le loro storie e possono trovare dei punti d’incontro. “Figli del Big Bang” è un dialogo con un pianeta che fu o che sarà. Quanto al tempo, non tutto ci è dato sapere. Quanto allo spazio, non tutto ci è dato sapere. Quanto allo spazio-tempo che ci è dato vivere sotto forma terrestre, qualcosa ci è dato scegliere.

La stagione teatrale della Città di Marosticaè firmata da ATS Teatro di Comunità, l’associazione composta da Teatris, Argot Produzioni e La Piccionaia, che in questi ultimi due anni ha animato con successo il Ridotto del Teatro Politeama. Le attività dell’associazione sono realizzate con il sostegno dellaCittà di Marostica e con il contributo di Fondazione Banca Popolare di Marostica Volksbank.

Ilprossimo spettacolo in programma è il“Canto di Natale” di Charles Dickens, con una proposta speciale per le famiglie in scena il 14 e  il 15 dicembre al Ridotto e una proposta per il pubblico il 20,21 e 22 dicembre al Castello Inferiore.