a Sovizzo

Vede i Carabinieri e tenta la fuga a bordo di una bici elettrica: era un ricercato

Un cittadino marocchino è stato arrestato per i reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate e oltraggio a pubblico ufficiale: dovrà scontare 2 anni di reclusione

Vede i Carabinieri e tenta la fuga a bordo di una bici elettrica: era un ricercato
Pubblicato:

Nel pomeriggio dello scorso mercoledì 8 maggio 2024 i Carabinieri di Montecchio Maggiore hanno arrestato nel comune di Sovizzo un cittadino marocchino ricercato a seguito di un ordine di carcerazione. Il malvivente si era reso responsabile di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate e oltraggio a pubblico ufficiale.

Vede i Carabinieri e tenta la fuga a bordo di una bici elettrica

Si aggirava con fare sospetto a bordo di una bicicletta elettrica per le strade di Sovizzo, quando una pattuglia della Tenenza di Montecchio Maggiore intenta in un servizio perlustrativo lo aveva notato.

Alla vista dei Carabinieri, il marocchino è poi è fuggito rapidamente imboccando la pista ciclabile, sperando che i militari, a bordo della loro auto di servizio, non potessero inseguirlo a causa delle transenne che bloccavano l'accesso ai veicoli.

Tuttavia, il Comando Compagnia di Valdagno ha prontamente inviato tutte le pattuglie di rinforzo presenti nella zona, riuscendo così a circondare l'intera pista ciclabile e bloccando tutte le possibili vie di fuga.

Era un ricercato per maltrattamenti in famiglia

Un cittadino, comprendendo la situazione, ha immediatamente fornito ai Carabinieri indicazioni utili per rintracciare il ricercato.

In pochi minuti, il fuggitivo si è ritrovato completamente circondato e ogni suo tentativo di resistenza è stato vano: immobilizzato e reso inoffensivo, è stato arrestato e tradotto presso la Casa Circondariale di Vicenza, dove dovrà scontare una pena di 2 anni a seguito di una condanna del Tribunale di Vicenza per i reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate e oltraggio a pubblico ufficiale.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali