Menu
Cerca
L'annuncio del sindaco

Trovata una bomba in contrà Mure Pallamaio, nei dintorni vivono 3367 persone circa

E' stata ipotizzata l'evacuazione dei cittadini per un raggio di 500 metri dal luogo del ritrovamento, presumibilmente di domenica e verso la fine di aprile.

Trovata una bomba in contrà Mure Pallamaio, nei dintorni vivono 3367 persone circa
Cronaca Vicenza, 12 Marzo 2021 ore 18:03

Oggi pomeriggio nella sala degli Stucchi di Palazzo Trissino si è tenuto un incontro convocato dal sindaco Francesco Rucco con alcuni amministratori e i responsabili dei vari servizi comunali e di Amcps a seguito del ritrovamento dell’ordigno bellico rinvenuto in contrà Mure Pallamaio.

Bomba in contrà Mure Pallamaio

Sono stati preliminarmente affrontati tutti gli aspetti organizzativi di competenza comunale per un possibile “bomba day“, cioè la giornata da dedicare al disinnesco dell’ordigno bellico risalente alla seconda guerra mondiale rinvenuto ieri durante le operazioni di scavo all’interno di un cantiere privato.

Durante il briefing è stata ipotizzata l’evacuazione dei cittadini per un raggio di 500 metri dal luogo del ritrovamento, presumibilmente di domenica e verso la fine di aprile in quanto non c’è fretta perché la bomba è stata messa in completa sicurezza.

In tal caso, ad essere interessate dalle operazioni sarebbero 1847 famiglie circa per un totale di 3367 persone circa, 300 delle quali con fragilità in quanto anziani, ammalati gravi e con disabilità.

Essendoci un precedente fortunatamente andato a buon fine, il piano di evacuazione verrà stilato sulla scorta di quello previsto per il disinnesco dell’ordigno del 2014, con le complicazioni, però, dettate dall’emergenza sanitaria e dalle relative disposizioni anticontagio, e dal fatto che nell’area interessata dalle operazioni sono presenti alcune strutture sensibili che ospitano persone anziane.

Nei prossimi giorni verrà, quindi, istituito un centro di coordinamento delle operazioni di competenza comunale con sede ancora da individuare ma che potrebbe essere ospitata nei locali della protezione civile provinciale o al comando di polizia locale.

Tra le attività da programmare ci saranno l’istituzione di chiusure o deviazioni stradali, l’individuazione di un centro di accoglienza per le persone che non potranno essere ospitate dai parenti e l’organizzazione di mezzi di trasporto pubblico per lasciare il centro storico e per rientrarci a fine disinnesco.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli