E' scattata la denuncia

Sversamenti di liquami nella roggia, individuato il responsabile

Si tratta di una ditta del bassanese

Sversamenti di liquami nella roggia, individuato il responsabile
Cronaca Vicenza, 16 Novembre 2020 ore 17:28

Un reato ambientale grave quello contestato a una ditta bassanese: lo sversamento di ingenti quantità di liquami nella roggia Grimana che segna il confine tra i Comuni di Schiavon e Sandrigo.

Sversamenti di liquami

E’ servito un delicato e complesso lavoro di indagine per ricostruire, anche grazie a testimonianze e video pubblicati sul web, episodi gravi ai danni dell’ambiente. Teatro di questa vicenda è il territorio al confine tra Schiavon e Sandrigo, in località Campogallo. Lunedì scorso alle 8.30 circa, due autospurghi sono stati pizzicati mentre sversavano ingenti quantità di liquami provenienti da operazioni di espurgo, in uno spazio dedicato alla pesca. L’acqua qui contenuta defluisce naturalmente nella roggia Grimana che segna il confine tra i Comuni di Schiavon e Sandrigo.

Un territorio importante

Il territorio è particolarmente importante da un punto di vista idrogeologico per via della falda affiorante. E questo episodio ha provocato ovviamente grande indignazione tra le comunità locali, oltre che tra i soggetti impegnati nella cura e nella tutela dell’ambiente e dell’attività faunistico venatoria.

Individuati e denunciati i responsabili

La La Polizia Locale Nordest V.no Distaccamento di Sandrigo, a seguito delle segnalazioni pervenute, è quindi entrata in azione,da un lato allertando il servizio d’emergenza di ARPAV per le specifiche competenze e dall’altro attivando accertamenti di polizia ambientale e giudiziaria, al fine di reperire informazioni utili al rintraccio degli autori. E’ stato così che si è potuta individuare la ditta responsabile, proveniente dal bassanese.

Gravi reati ambientali

In concerto con il Distaccamento NEVI di Rossano Veneto, è stata quindi raggiunta la sede della ditta stessa, per identificare i trasgressori e acquisire le documentazioni. Il titolare e un dipendente della ditta in questione sono stati pertanto denunciati all’Autorità Giudiziaria ai sensi delle norme di cui al testo unico sull’ambiente. Trattandosi di reati ambientali le informative saranno inoltre estese a tutti gli organi competenti, anche per le valutazioni sul proseguo dell’attività della ditta di auto spurgo.

LEGGI ANCHE: Test “fai da te” in Veneto, avviata la sperimentazione | +1966 positivi | Dati 16 novembre 2020

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità