Regionale

Straziante addio a Martina: quasi 2mila persone in streaming per l’ultimo saluto

Lacrime e abbracci per l'addio a Martina, morta a soli 18 anni a causa di un incidente. Un lutto che ha profondamente scosso la comunità e non solo.

Straziante addio a Martina: quasi 2mila persone in streaming per l’ultimo saluto
Vicenza, 13 Maggio 2020 ore 14:31

Una chiesa vuota, un silenzio surreale.

L’ultimo saluto a Martina

Nella mattina di oggi, mercoledì 13 maggio 2020, i famigliari di Martina Medas si sono riuniti alle 10.30 nella parrocchia di Orti di Bonavigo per darle l’ultimo saluto. A causa dell’emergenza Coronavirus gli amici non hanno potuto presenziare al rito funebre che però è stato trasmesso in streaming attraverso il profilo social delle Onoranze Funebri Montagnoli dov’erano collegate quasi 2000 persone.

“Non ci sono parole umane per descrivere la situazione”

Don Davide Zanola durante l’omelia ha affermato:

Non ci sono parole umane, lo sappiamo, per descrivere e neppure per parlare della situazione come quella che stiamo vivendo in questi giorni. Abbiamo molte domande, molti perché, forse il dito è anche puntato contro Dio, perché hai permesso questo? L’unica colpa è solo della sorella morte e della sorella tragedia. Quelle due realtà quotidiane, la morte e la tragedia ,che quando si alleano tra di loro succede quello che è successo a Martina. Come consolazione come cristiani la possiamo trovare solo in Dio, cosa che ci ha ricordato il Vangelo. Non sia turbato il vostro cuore, abbiate fede in Dio, quella fede che ci fa dire che la vita di Martina, non finisce oggi, non finisce in quella bara ma inizia oggi la vita eterna che non è una realtà lontana, non è una vita solitaria, una vita allo sbaraglio ma una vita eterna, pensata dall’amore di Dio per avere un’ultima parola nella morte”.

“Ora Martina è vicino a Dio”

Don Davide Zanola ha proseguito:

“Ecco dove si trova Martina adesso, è vicino alla presenza di Dio e vicino a Dio si trova Maria, la madre del Cielo alla quale affidiamo i genitori, le sorelle, il fratello ma affidiamo alla preghiera di Maria anche Francesco e la sua famiglia. Domenica, quando la tragedia ha investito la famiglia di Martina, ricorreva civilmente la festa della mamma, è stata tolta alla madre terrena, oggi 13 maggio la chiesa ricorda l’apparizione di Maria di Fatima e in questa ricorrenza Martina viene accolta tra le braccia della madre celeste. Quando ci assalirà l’ansia del distacco ci resti il ricordo di Martina e le qualità buone e quelle che ha seminato tra i quanti l’hanno incontrata. Cercheremo di ricordarla non solo con le parole umane ma con la preghiera, quel dialogo che sale a Dio, a Maria e oggi anche a Martina sperando che lei sia lì in mezzo al loro, a vegliare ancora una volta con loro sopra i suoi cari e quanti l’hanno amata, in quei momenti in cui l’ansia ci assalirà il cuore non smetti di ripetere “il tuo amore Signore sia su di noi, in te speriamo”.

La vicinanza di amici e insegnanti

Numerosi i messaggi di cordoglio delle persone che hanno seguito il funerale in diretta attraverso la piattaforma social delle onoranze funebri Montagnoli:

“Non dimenticherò mai le giornate alle terme di Giunone e i pomeriggi a giocare dietro casa”

“Un abbraccio grande grande alla famiglia, mi spezza il cuore pensandovi. Non ci sono parole, solo tanta tristezza”

“Ciao Martina, il cuore e il pensiero di ognuno di noi ti raggiungerà ovunque tu sia e ti avvolgerà in un grande abbraccio da oggi e per sempre. Non ci si lascia, si diventa una cosa sola!”

“Ciao piccolina dagli occhi blu…resterai sempre nei nostri cuori, fai sentire, ogni giorno, la tua presenza ai tuoi cari… fai sentire, ogni giorno, la tua presenza ai tuoi cari per poter alleviare il vuoto ed il dolore che hai lasciato”

“Rimarrai sempre la ragazza più bella e disponibile che io abbia mai conosciuto”

“Cara Sara, i tuoi insegnanti partecipano al tuo dolore e a quello della tua famiglia. Riposa in pace Martina”

19 foto Sfoglia la gallery

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità