Si sposano dopo 39 anni di amore e due figli

Gianpaolo Mulas e Antonella Ronchi hanno pronunciato il sì a Recoaro Terme davanti al sindaco Davide Branco.

Si sposano dopo 39 anni di amore e due figli
, 13 Aprile 2019 ore 18:30

Gianpaolo Mulas e Antonella Ronchi si sono sposati dopo 39 anni di amore e due figli. A celebrare le nozze il sindaco di Recoaro Terme, Davide Branco.

Le nozze dopo 39 anni

Dopo 39 anni d’amore e due figli, Gianpaolo Mulas e Antonella Ronchi hanno deciso di compiere il grande passo e sono convolati a nozze il 30 marzo scorso. Carabiniere in congedo e vice presidente dell’Associazione nazionale carabinieri di Recoaro Terme lui, coordinatrice del nucleo storico al centro servizi «Villa Serena» lei, due precedenti matrimoni alle spalle, fanno coppia fissa dal 1980. «In molti pensavano ci fossimo già sposati. Prima non ci pensavamo, c’erano tante altre cose da sistemare - spiega la sposa - forse c’era anche un po’ di timore, non sapevamo se ne sarebbe valsa la pena. E invece è stato meglio di come mi aspettavo, abbiamo vissuto una giornata bellissima, circondati dall’affetto di amici e parenti che hanno partecipato con entusiasmo, con una consapevolezza diversa rispetto a quella dei 20 anni». «Come nella migliore tradizione non mi è stato permesso di vedere l’abito della sposa fino al giorno delle nozze - precisa Gianpaolo - devo dire che le stava benissimo».

A sposarli il sindaco Davide Branco

Uniti con rito civile dall’amico sindaco Davide Branco, testimoni d’eccezione i figli, Anna e Federico, di 36 e 26 anni. Gli sposi si sono poi affidati ai ragazzi del ristorante didattico «Artusi» per intrattenere i loro invitati, prima con un buffet per circa 60 persone e poi con un pranzo di nozze per un numero più ristretto di ospiti che si sono poi divertiti a coinvolgere gli sposi in scherzi e simpatici siparietti, anche tutto il centro del paese era stato tappezzato con le loro immagini per dare notizia del lieto evento. «Abbiamo scelto l’Artusi perché ci crediamo - racconta la coppia - viviamo da sempre a Recoaro e pensiamo che il lavoro di questi ragazzi debba essere valorizzato. Questa è stata la prima cerimonia che hanno ospitato e se la sono cavata alla grande, speriamo ce ne possano essere molte altre in futuro. Ci hanno seguiti dei ragazzi giovani provenienti da una classe terza, forse all’inizio un po’ imbarazzati, ma bravi e preparati, che non ci hanno fatto mancare nulla, incontrando il favore anche dei nostri ospiti».

Viaggio in Sardegna

La coppia è partita per la Sardegna, terra d’origine dello sposo, per un’altra festa con parenti e amici, in attesa di settembre per la luna di miele vera e propria. «Ringraziamo con il cuore tutti quelli che ci sono stati vicini in questo splendido giorno e che hanno contribuito affinché tutto si svolgesse nel migliore dei modi. Un particolare ringraziamento ai giovani studenti per la loro gentilezza e cortesia, grazie ai giovani ai fornelli che ci hanno fatto apprezzare la buona cucina e un grazie agli insegnanti che li hanno mirabilmente seguiti».