Cronaca
Schio

Sgomberato immobile occupato abusivamente: individuate due persone

Dopo avere identificato il proprietario dell'alloggio occupato ed averne raccolto la denuncia-querela, la Polizia Locale ha effettuato il controllo dell'immobile.

Sgomberato immobile occupato abusivamente: individuate due persone
Cronaca Schio e Valdagno, 02 Novembre 2021 ore 11:35

Alle ore 18.30 di domenica 31 ottobre2021, un esercente segnalava alla centrale operativa della polizia locale Alto Vicentino che 3 persone erano andate in escandescenza presso la stazione ferroviaria di Schio, generando scompiglio tra i viaggiatori.

Sgomberato immobile occupato abusivamente

Venivano inviate sul posto 2 pattuglie che constatavano trattarsi del noto S.E.R., 41enne di nazionalità tunisina, già allontanatosi in direzione del centro storico.
La polizia locale provvedeva allora ad istituire presidi fissi nel centro storico, gremito di bambini e genitori in costume per la festa di Halloween, onde evitare qualsiasi perturbazione della sicurezza urbana. S.E.R. veniva infatti rintracciato davanti al Duomo, e controllato a vista dagli Agenti per il resto della serata. Nella circostanza veniva individuato il luogo che il medesimo aveva occupato abusivamente alloggiandovi.

Dopo avere identificato il proprietario dell'alloggio occupato ed averne raccolto la denuncia-querela per il reato di invasione di edifici (art. 633 c.p.), con relativa richiesta di sgombero immediato, nella mattinata di martedì 2 novembre 2021 la Polizia Locale procedeva al controllo dell'immobile riscontrandovi la presenza di S.E.R. e di altro uomo 31enne di nazionalità marocchina, peraltro soggetto alla misura cautelare dell'obbligo di firma per altro reato, disposto dall'Autorità Giudiziaria di Vicenza.

Come da intese con la Questura di Vicenza, S.E.R. veniva accompagnato all'Ufficio Immigrazione per il rinnovo della procedura di espulsione dal territorio nazionale. L'altro soggetto veniva fotosegnalato e denunciato per il reato di invasione di edifici.
Sempre in mattinata, al fine di impedire la reiterazione del reato di invasione di edificio, l'ufficio tecnico comunale prelevava le brandine ed i materassi di fortuna sistemati nell'immobile, e la proprietà provvedeva alla sistemazione della porta di accesso, rendendola più difficilmente accessibile.