Schio

“Scuole sicure”, nuovo sistema di videosorveglianza al Faber Box per contrastare lo spaccio

Dieci nuovi occhi elettronici pronti a vigilare sugli spazi del Faber Box per contrastare lo spaccio di stupefacenti.

“Scuole sicure”, nuovo sistema di videosorveglianza al Faber Box per contrastare lo spaccio
Schio e Valdagno, 28 Aprile 2020 ore 11:53

Maggiore sicurezza e contrasto alla diffusione di sostanze illecite negli istituti scolastici.

Verrà installato in vista del prossimo anno scolastico

Dieci nuovi occhi elettronici pronti a vigilare sugli spazi del Faber Box per contrastare lo spaccio di stupefacenti. Questa la dotazione del nuovo sistema di video-sorveglianza che l’Amministrazione Comunale ha intenzione di installare per l’inizio del nuovo anno scolastico grazie alla partecipazione al progetto del Ministero degli Interni “Scuole Sicure”. Un progetto che ha come obiettivo quello di combattere la diffusione di sostanze illecite negli istituti scolastici e che in città vuole concretizzarsi con il controllo dei luoghi maggiormente frequentati dagli studenti, come appunto il Faber Box, e con iniziative di sensibilizzazione e prevenzione rivolte ad alunni, genitori e insegnanti.

Il commento dell’assessore De Munari

«Sono circa 4mila gli studenti del Campus iscritti al Tron-Zanella, al Pasini, al De Pretto, al Garbin e al Martini che frequentano quotidianamente il Faber Box. Oltre a loro nella struttura gravitano anche molti altri giovani e cittadini che usufruiscono delle aule studio, delle sale conferenze per seminari e congressi o dei servizi dell’Informagiovani. Ciò implica un accesso libero ai vari piani dell’edificio e di conseguenza anche il rischio che possano introdursi soggetti pronti a far circolare sostanze stupefacenti sfruttando la presenza di un numero notevole di ragazzi, ritenuti tra i potenziali consumatori i più avvicinabili – spiega l’assessore all’istruzione Katia De Munari -. Una relazione del Consorzio Polizia Locale Alto Vicentino, inoltre, ci conferma la sensibilità del Faber Box al fenomeno dello spaccio».

Con questi presupposti, quindi, l’Amministrazione ha deciso di prendere parte a “Scuole Sicure”, presentando un progetto che punta a potenziare il sistema di video-sorveglianza della struttura di Viale Tito Livio. Attualmente sono già attive quattro videocamere che, però, permettono di monitorare solamente i punti d’ingresso all’edificio. I dieci nuovi occhi elettronici, invece, consentiranno di intercettare chiunque si aggiri nei corridoi o nei piani superiori del Faber Box. Il sistema di video-sorveglianza, i cui dispositivi si adatteranno sia alla luce diurna che notturna rilevando nitidamente i volti di quanti transitano nel loro raggio d’azione, è stato elaborato grazie a un lavoro congiunto tra il Comando di Polizia Locale e il tecnici di Pasubio Tecnologia.

Le azioni di prevenzione

Ma non è tutto. Per contrastare il consumo di sostanze stupefacenti tra i ragazzi, infatti, sono fondamentali le azioni di prevenzione. Proprio per questo l’Amministrazione è già attiva da anni con delle iniziative mirate in collaborazione con le scuole della città, i comitati e le associazioni dei genitori degli alunni, il dipartimento di prevenzione dell’Ulss 7 Pedemontana, la cooperativa Nuova Primavera e il Centro Vicentino di Solidarietà Ce.I.S.

«Se rientreremo tra i beneficiari del finanziamento ministeriale oltre a potenziare il sistema di video-sorveglianza al Faber Box potremmo implementare le attività preventive nelle classi degli istituti secondari di primo e secondo grado della città così come progettare nuove azioni con il tavolo di lavoro istituito con tutti gli attori del territorio coinvolti sul tema e allo stesso modo sviluppare maggiormente quei servizi dedicati ai ragazzi più vulnerabili attivando anche degli sportelli a sostegno della genitorialità – prosegue la De Munari -. Negli ultimi anni purtroppo si sono verificati diversi episodi, come uso e spaccio di stupefacenti, atti di vandalismo nelle scuole, bullismo e aumento della dispersione scolastica, che hanno fatto nascere preoccupazioni e messo in evidenza la necessità di prevedere interventi ampi e condivisi a favore del mondo degli adolescenti. Il progetto “Scuole Sicure”, quindi, è un’ulteriore opportunità per offrire nuove risposte concrete a quelle situazioni già complesse e migliorare ancora di più l’azione preventiva».

Per realizzare quanto previsto, il Comune di Schio ha presentato al Ministero un progetto con una richiesta di finanziamento di 24.482,50 euro e la risposta dagli uffici di Roma dovrebbe arrivare entro l’estate.

«Le azioni che vogliamo mettere in campo sono molto valide e supportate da una reale necessità di intervento – conclude l’assessore -. Siamo molto fiduciosi di avere riscontro positivo da parte del Ministero».

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità