Menu
Cerca

Salvaguardia dell’ambiente, sostegno alle famiglie e opere per 9 milioni di euro

L'assessore Simonetto: «Diamo concretezza agli impegni elettorali del secondo mandato».

Salvaguardia dell’ambiente, sostegno alle famiglie e opere per 9 milioni di euro
Bassano, 24 Novembre 2019 ore 18:00

Vicina alle famiglie, con incentivi come il «bonus bebè» o il pacchetto «scuola&sport». Attenta all’ambiente, con un capitolo di bilancio “ad hoc” per iniziative legate all’ecologia e alla sostenibilità e con una nuova edizione del bando «Ecobonus». Incisiva sul territorio, con investimenti per quasi 9 milioni di euro in opere nei prossimi tre anni. L’Amministrazione di Cassola ha «licenziato» nei giorni scorsi il Dup (Documento unico di programmazione) per il triennio 2020 – 2022. Un atto che contiene le linee guida per la stesura dei bilanci dei prossimi anni e con il quale, come ricorda l’assessore al bilancio e ai tributi Elsa Antonia Simonetto:

«Si comincia a dare concretezza agli impegni elettorali del secondo mandato. I capisaldi di questa programmazione, sono l’ambiente, il sostegno alle famiglie, gli investimenti sul patrimonio infrastrutturale esistente, in particolare le scuole, e l’impegno nella realizzazione di nuove opere a servizio della comunità».

Opere

E proprio sul fronte dei lavori pubblici lo sforzo economico sarà maggiore. Da qui a tre anni il Comune cassolese ha previsto di spendere quasi 9 milioni di euro, di cui oltre 5 solo nel 2020, per interventi sul territorio. «Tra i progetti a bilancio per il prossimo anno – rileva Simonetto – i più importanti sono la realizzazione di una nuova scuola media per il capoluogo (2.600.000 euro), l’efficientamento energetico della scuola d’infanzia di San Giuseppe (500 mila euro), la costruzione di una pista ciclopedonale in via Bressan (300 mila euro), il completamento dell’ultimo tratto di via 8 Marzo (450 mila euro) e l’avvio del secondo stralcio dell’Isola dello Sport, che coinciderà con parte della sistemazione degli esterni (600 mila euro)».

Nel 2021 si procederà invece con la creazione di una struttura coperta per l’atletica (435 mila euro) e con l’adeguamento sismico delle primarie di San Zeno (500 mila euro), mentre l’opera più rilevante del 2022 sarà il terzo stralcio dell’Isola dello sport, ossia la creazione di una seconda palestra e dei campetti esterni (1 milione e mezzo di euro).

Parallelamente, da qui al 2022 la municipalità cassolese impegnerà ogni anno 50 mila euro per il completamento degli interventi previsti dal Peba (Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche) e stanzierà 30 mila euro all’anno per tre anni per portare a termine le indagini sulla tenuta sismica e sulla sicurezza degli edifici comunali, in particolare le scuole.

«L’impegno di spesa – osserva l’assessore – potrà anche aumentare, in sede di approvazione del rendiconto 2019, qualora si decida di inserire nel capitolo delle opere una parte dell’avanzo di amministrazione. Siamo inoltre sempre attenti alle possibilità di finanziamento derivanti dai bandi regionali, statali ed europei».

Incentivi e bonus

L’attenzione ai bisogni della comunità si concretizzerà, già dal 2020, anche con l’attivazione di una serie di bandi rivolti alle famiglie. Sarà riproposto, con un fondo di 20 mila euro, il pacchetto Scuola&Sport per contribuire alle spese scolastiche e sportive dei ragazzi che frequentano la scuola dell’obbligo e, in primavera, verrà lanciato il “bonus bebé” per i nuovi nati, per il quale l’Amministrazione ha messo sul piatto 50 mila euro. Visto il successo delle passate edizioni, tornerà anche l’Ecobonus, grazie al quale i privati potranno ottenere dalla Municipalità degli incentivi a fondo perduto per rendere le proprie abitazioni più sicure (con l’installazione di inferriate, ringhiere e sistemi d’allarme e l’abbattimento delle barriere architettoniche) e soprattutto meno inquinanti (con la sostituzione delle vecchie caldaie, l’installazione di pannelli fotovoltaici e la realizzazione di interventi di efficientamento energetico). Per la prossima annualità la cifra stanziata dall’esecutivo è 50 mila euro, cui si aggiungono i 15 mila euro riservati ad iniziative e progetti per l’ambiente.

Sociale

«Di particolare rilevanza sarà capitolo che riguarda il sociale, per il quale nel triennio investiremo circa 1 milione e mezzo di euro – aggiunge Simonetto -. Rispetto agli scorsi anni la spesa è sostanzialmente invariata, contiamo tuttavia di poter rendere più efficienti i servizi grazie alla recente riorganizzazione dell’area. Con l’approvazione del nuovo regolamento sui contributi, inoltre, sarà possibile intervenire in maniera più mirata e puntuale rispetto alle richieste dei cittadini».

Tasse

Per il prossimo esercizio, infine, non è in programma alcun aumento della pressione fiscale.

«Ci riserviamo di confermare la previsione a fine anno, quando verrà approvata la legge finanziaria – chiude l’assessore – che potrebbe comportare alcune novità sui trasferimenti ai Comuni e, conseguentemente, sulle aliquote di Imu e Tasi».