Conferenza stato-regioni

Rientro in classe, Donazzan: “Ministro si inventa il medico scolastico e trascura i bisogni essenziali”

L'assessore: "Ci troviamo al 28 luglio a non sapere quale sarà la dotazione di personale per l’organico di fatto, di diritto e di emergenza".

Rientro in classe, Donazzan: “Ministro si inventa il medico scolastico e trascura i bisogni essenziali”
Vicenza, 28 Luglio 2020 ore 16:41

Nella Conferenza Stato-Regioni di stamattina con all’ordine del giorno il confronto sulla riapertura dell’anno scolastico, forti le perplessità degli enti locali su ritardi e molto altro.

Le critiche delle Regioni

“Questa mattina si è riunita la IX commissione della Conferenza Stato-Regioni con all’ordine del giorno il confronto sulla riapertura dell’anno scolastico. Le Regioni hanno rappresentato con voce unanime una ulteriore e forte critica alla mancanza di criteri per il riparto del personale docente e amministrativo, per l’atteggiamento del ministero di chiusura nei confronti delle Regioni, in termini di trasparenza delle comunicazioni, e una altrettante forte denuncia dei ritardi connessi all’organizzazione della ripartenza ormai prossima dell’attività scolastica”.

Lo riferisce l’assessore all’Istruzione e Formazione della Regione Veneto, Elena Donazzan.

“Dopo aver bocciato il decreto di riparto di aprile per una totale mancanza di trasparenza sui criteri – prosegue l’assessore – e con la preoccupazione di una ulteriore riduzione delle autonomie scolastiche, ci troviamo al 28 luglio a non sapere quale sarà la dotazione di personale per l’organico di fatto, di diritto e di emergenza, e nemmeno quando questo personale entrerà in servizio”.

L’ultima “invenzione”: il medico della scuola

“A queste condizioni – conclude – trovo incredibile che il ministro abbia avuto l’ennesima invenzione, quella del medico della scuola. Ogni famiglia ha già il proprio pediatra di base e il medico di medicina generale e, oltretutto, l’intero paese è in carenza di personale medico. Invito il ministro a pensare soprattutto all’organizzazione di una ripresa della didattica, partendo dalle cose essenziali”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità