Progetto «Cer.T.A.-Ceramica, Territorio, Artigianato»

Iniziativa del liceo artistico «G. De Fabris» nell’ambito del bando Scuola Giovani e Mondo del Lavoro 2018, indetto dalla Fondazione Cariverona

Progetto «Cer.T.A.-Ceramica, Territorio, Artigianato»
Bassano, 30 Giugno 2019 ore 09:05

Progetto «Cer.T.A.-Ceramica, Territorio, Artigianato»

Creare delle figure professionali ad hoc, con competenze studiate appositamente per venire incontro alle nuove esigenze delle imprese. Questa la mission di Cer.T.A. – Ceramica, Territorio, Artigianato, progetto firmato dal Liceo Artistico «G. De Fabris» di Nove, nell’ambito del bando Scuola Giovani e Mondo del Lavoro 2018, indetto dalla Fondazione Cariverona per il settore Educazione Formazione Istruzione. Il bando mira alla promozione di «iniziative innovative e qualificate che, avviate in ambito extra scolastico, siano finalizzate ad accompagnare i giovani verso l’inserimento nel mercato del lavoro, valorizzando la collaborazione tra soggetti del territorio di riferimento e/o che sperimentino percorsi di formazione esperienziale diretti a far acquisire competenze spendibili e/o azioni di inclusione occupazionale (a titolo esemplificativo: iniziative di co-working, FabLab, laboratori di innovazione)».

Si tratta di un corso di formazione rivolto alla «fascia Neet (not engaged in education, employment or training), giovani dai 15 ai 25 anni non inseriti in percorsi educativi, formativi e di lavoro» ed a tutti coloro i quali desiderino scoprire la propria creatività, per sviluppare un atteggiamento mentale aperto e curioso nelle varie situazioni di lavoro. Il progetto è costruito su misura per le aziende del distretto Nove-Bassano e mira sia a combattere la disoccupazione, sia a risolvere il problema della scarsità di personale specializzato per le aziende. Il progetto, coordinato da Elena Corsi, Elena Agosti e Fabio Poli, coinvolge il distretto produttivo della ceramica sia nella parte iniziale di analisi, che come risposta alle richieste specifiche del settore.

La formazione, quindi, sarà costituita da moduli rivolti a fornire le adeguate competenze attraverso metodologie didattiche tradizionali e laboratoriali, con un apporto significativo delle nuove tecnologie digitali, sia interne all’Istituto De Fabris che presso studi o aziende. Obiettivo del progetto è organizzare la formazione, con percorsi individualizzati, in modo tale da dare risposte alle specifiche richieste del territorio. Saper cogliere le esigenze reali e dare risposte concrete sarà il risultato principale confermato dall’occupazionalità dei giovani coinvolti. Si promuoverà il rafforzamento e la modernizzazione del settore della ceramica attraverso l’introduzione di nuovi modelli di formazione, di tecniche di produzione che mantengano insieme tradizione e innovazione.

Il valore innovativo di questo progetto è nella trasversalità delle competenze che si intendono offrire: quelle tramandate di generazione in generazione relative all’arte della ceramica possono e devono essere integrate al sapere digitale per una formazione all’avanguardia. Si svilupperanno, così, metodologie per migliorare la relazione tra scuola - che si pone sia come ente di ricerca che di formazione - e le imprese artigianali. La forza innovativa di questo progetto, quindi, è mettere in comunicazione due mondi, la scuola e l’impresa, offrendo un prodotto in grado di cogliere da queste realtà le reali necessità e le concrete opportunità. Il progetto prevede, da ottobre 2019 a maggio 2020, quattrocento ore di formazione tecnica, tra aula e laboratorio, a cui seguiranno tre mesi di tirocinio presso un’azienda.