Cronaca
Ospedali veneti

Piano emergenza Coronavirus Veneto, ecco le schede e i numeri aggiornati

I posti letto totali passano da da 744 a 2.985. Prevista l’indicazione di alcuni “Covid Hospital” che, al loro interno, avranno aree isolate dal resto della struttura. Ecco dove.

Piano emergenza Coronavirus Veneto, ecco le schede e i numeri aggiornati
Cronaca Vicenza, 15 Marzo 2020 ore 19:45

Piano emergenza Coronavirus Veneto, ecco le schede e i numeri aggiornati. Nel tradizionale punto dalla sede della Protezione civile di Marghera l’annuncio del Piano Ospedaliero del Veneto.

Piano emergenza Coronavirus Veneto, ecco le schede e i numeri aggiornati

E’ l’annunciato “Piano Marshall” per la sanità veneta e per i suoi ospedali nell’emergenza Coronavirus. Il tradizionale punto dalla sede della Protezione civile di Marghera di oggi, domenica 15 marzo 2020, con il presidente della Regione, Luca Zaia, ha offerto spunti decisamente interessanti. Il Governatore, dopo aver esordito dicendo di essere reduce da alcune video conferenze mattutine con i direttori sanitari del Veneto e altre con i ministri Boccia e Speranza, è passato alla conta dei casi di contagio e altri numeri purtroppo non ancora incoraggianti: 2172 positivi al virus, 426 i ricoverati, 129 le persone in Terapia intensiva, 120 i dimessi e purtroppo 63 i decessi.

Pronto il Piano ospedaliero d’emergenza

Poi l’annuncio. E’ pronto il Piano Ospedaliero del Veneto per fronteggiare l’emergenza coronavirus, preparando l’intero sistema sanitario, soprattutto dal punto di vista infrastrutturale e dei posti letto, all’ipotesi di maggior pressione possibile. I posti letto totali, assommando quelli di terapia intensiva, terapia subintensiva e malattie infettive, passano da 744 a 2.985, dei quali 825 di Terapia Intensiva (a regime normale sono 494), 383 di Terapia Subintensiva Respiratoria (a regime sono 85), 1.777 di malattie infettive (a regime sono 165).

A questi si aggiungono 740 posti letto da dedicare alle degenze “normali”, che verranno ricavati con la riattivazione degli ex ospedali di Valdobbiadene, Monselice, Bussolengo, Isola della Scala e Zevio, e 110 posti letto nelle cosiddette “Strutture Intermedie”.

Il Piano di Emergenza prevede infine l’indicazione di alcuni “Covid Hospital” che, al loro interno, avranno aree totalmente isolate dal resto della struttura. Sono gli ospedali di Belluno, Vittorio Veneto, Dolo, Jesolo, Trecenta, Schiavonia, Santorso, Villafranca e Borgo Roma a Verona.

Zaia: “Domani anche il piano per i tamponi on the road”

Il primo appello lanciato da Zaia è stato di “continuate a stare in casa”, stringendo i denti:

“Non dobbiamo abbassare la guardia proprio adesso. Da domani vi annuncio che tutte le Spisal del Veneto saranno coinvolte in controlli a tappetto nelle aziende rispetto all’utilizzo dei dispositivi e messa in sicurezza dei lavoratori, senza sconti a nessuno. I modelli matematici ci dicono che l’isolamento va seguito ancora, ci sono proiezioni preoccupanti che rischiano di mandarci in crash entro 10 giorni o prima, ma ci stiamo preparando. In ogni provincia ci saranno dei Centri Covid che all’occorrenza diventeranno esclusi per Coronavirus (VEDI ELENCO NELLE FOTO), ci stiamo attrezzando e tali strutture ci daranno 1.300 posti letto in più di malattia infettiva, 212 di pneumologia semi intensiva, 206 di terapia intensiva. Inoltre abbiamo rimesso in moto le strutture degli ex ospedali. Riadattare i capannoni? Sarà la nostra extrema ratio in caso la tempesta si trasformi in uragano”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter