Verona

Pendolare di Vicenza premiato dall’App “Muoversi”. Zanotto: “Sempre più persone usano mezzi sostenibili”

Durante l’ultimo monitoraggio (1 luglio-15 settembre), su 1865 partecipanti ben 1537 hanno utilizzato la bicicletta per spostarsi, per un totale di oltre 9 mila chilometri percorsi.

Pendolare di Vicenza premiato dall’App “Muoversi”. Zanotto: “Sempre più persone usano mezzi sostenibili”
Vicenza, 29 Settembre 2020 ore 09:35

Arriva tutti i giorni in treno da Vicenza, poi dalla stazione di Porta Nuova prende il monopattino o il bike sharing per spostarsi in città, dove lavora. E’ così che Paolo Dal Lago macina chilometri su chilometri percorrendo Verona esclusivamente su mezzi sostenibili. E da oggi avrà un nuovo compagno di viaggio, la bicicletta elettrica vinta accumulando i punti dell’ app “Muoversi”.

Vincitore del concorso

E’ lui infatti il vincitore del concorso promosso dal Comune per il periodo 1 luglio – 15 settembre 2020. Al secondo posto si è classificata Loretta Scarmagnan, alla quale è stato consegnato un abbonamento Atv; al terzo posto Sofia Brogin, che ha vinto un abbonamento al bike sharing come pure Patrizio Filippone, quarto in classifica.

Le prossime premiazioni saranno a dicembre. Il concorso, promosso da Comune e Agsm, riconosce l’impegno di quei cittadini sempre pronti a utilizzare modalità di spostamento alternative all’auto. Per partecipare basta scaricare l’app sullo smartphone e iniziare a registrare i percorsi fatti in modalità sostenibile. Il punteggio viene calcolato anche in base al numero, alla lunghezza e alla tipologia di spostamento. Si accumulano punti anche frequentando le biblioteche comunali.

La bicicletta, la più usata

La premiazione si è tenuta in municipio, occasione anche per fornire qualche dato sul concorso e più in generale sulla mobilità sostenibile, che sta registrando un numero sempre maggiore di utenti. Durante l’ultimo monitoraggio (1 luglio-15 settembre), su 1865 partecipanti ben 1537 hanno utilizzato la bicicletta per spostarsi, per un totale di oltre 9 mila chilometri percorsi. Numeri confermati da Fiab Verona, che in occasione dell’avvio dell’anno scolastico ha registrato un importante aumento di utenti che si spostano in bici, che sono passati dal 6 per cento dell’anno scorso al 27 per cento di quest’anno.

Soddisfatti gli assessori all’Ambiente Ilaria Segala e il vicesindaco Luca Zanotto, che oggi, lunedì 28 settembre 2020 hanno consegnato la bicicletta al vicentino Paolo. Presente anche il presidente di Agsm Lighting Filippo Rigo, partner del Comune per la parte tecnologica del concorso. Segala ha affermato:

“Numeri davvero confortanti. Ci dicono non solo del successo dell’app Muoversi, ma anche che i veronesi si spostano senza auto, andando a piedi, in bici in autobus e, da quest’anno, anche con il monopattino. E che sono sempre di più coloro che utilizzano l’app Muoversi per registrare i chilometri ‘sostenibili’ fatti. Ciò anche grazie alle numerose iniziative in tal senso, rivolte in larga parte ai più giovani e agli studenti”.

Percorsi ciclabili per gli studenti

Zanotto ha proseguito:

“L’inizio dell’anno scolastico ha segnato un netto cambio di direzione, quadruplicando il numero di cittadini che si spostano regolarmente coi mezzi sostenibili. Gli studenti anzitutto, per i quali abbiamo realizzato percorsi ciclabili ad hoc e realizzato iniziative insieme ai mobility manager scolastici, ma anche tutti quei cittadini che hanno avuto modo di sperimentare la mobilità dolce durante e dopo il lockdown, scoprendone i molteplici benefici. Ora la sfida è mantenere questa buona abitudine anche durante l’inverno”.

Rigo ha concluso:

“Siamo orgogliosi di partecipare a questa iniziativa del Comune, un bel progetto per incentivare i veronesi ad utilizzare la mobilità sostenibile, contribuendo così al miglioramento della qualità dell’aria, oltre che al mantenimento di uno stile di vita più sano. Servono idee vincenti per affrontare il domani, questa è sicuramente una”.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità