Parcheggi in centro storico? Interviene Zanon

Il vicepresidente della delegazione di Confcommercio Mandamento di Bassano del Grappa fa le sue considerazioni ed espone i suoi dubbi.

Parcheggi in centro storico? Interviene Zanon
Bassano, 03 Aprile 2019 ore 12:22

Sembrava che l'argomento fosse stato definitivamente chiuso, invece, non è così. I parcheggi nel centro storico di  Bassano del Grappa fanno ancora discutere e la stessa Confcommercio è intervenuta con un video che riprende il vicepresidente della delegazione Comunale dei Commercianti che commenta la questione posti auto.

Parcheggi in centro storico? Interviene Zanon

"Mi ero ripromesso di non parlare più dei parcheggi del Centro Storico, perché non dovrebbe
più essere un problema, ormai dovrebbe essere un fatto acquisito e non una questione aperta.
Ma così non è. Negli ultimi mesi abbiamo visto un arcobaleno di strisce colorate, un circo di colori che
mutano e si sovrappongono in un numero chiuso di posti auto che non cresce, anzi, risulta
diminuito dalla liberazione del Castello, quasi fosse una conquista. Eppure, questo spazio
tuttora vuoto ha causato una serie di movimenti che non hanno prodotto la quadratura del
cerchio: il problema dei parcheggi rimane irrisolto. Irrisolto a partire da una prospettiva di accoglienza turistica come pure dal punto di vista dei residenti e di chi lavora in Centro, delle mamme con i passeggini, i bambini, le borse; però le inutili giostre restano a far da padrone per due mesi l’anno.
Le carenze sono di due tipi, l’insufficienza dei posti auto e la mancanza di un vero sistema
parcheggi. La capienza, se a Bassano risulta eccessiva in una qualunque giornata di pioggia, è
decisamente sottostimata nei weekend di sole o durante una qualsiasi delle tante manifestazioni organizzate durante l’anno. Manca un polmone che faccia respirare la città anche quando è gremita di persone. E quelli esistenti? Chi li conosce? Come faccio a sapere dove sono i parcheggi e quanti posti sono ancora liberi? Questi i legittimi dubbi del turista, del semplice avventore o del possibile cliente che non si placano nei tabelloni spesso mal funzionanti. Può rispondere solo un sistema integrato che tracci un percorso, semplice e rapido, verso le zone adibite a parcheggio; un’indicazione in tempo reale che mi dia i dati fondamentali: dove, come raggiungerlo, quanto costa, coperto o all’aperto, sorveglianza o meno. Questo si può ottenere solo attraverso una app intelligente e un telepass che mi permettano di pagare senza code, monete, biglietti... e che mi permetta di prolungare la mia presenza in città con un semplice click... credo si chiami Smart City e in Bassano non ve n’è traccia.
Non solo. Sappiamo che in Centro i negozi, i locali, i servizi e le persone stesse si muovono
seguendo le due assi principali, est/ovest e nord/sud, formando degli aggregati di attività che non possono mancare di parcheggi di vicinanza con sosta breve per l’acquisto veloce, l’operazione in banca, la pratica in ufficio, il carico-scarico delle merci. E Angarano? Poche idee, nulla di fatto. E ancora, perché in caso di maltempo non scatta la gratuità? Come ringraziamento a chi si ostina, nonostante tutto, a frequentare il Centro. Malgrado la mia riluttanza, serve rivedere totalmente la questione parcheggi, ma quale sarà il candidato con il programma di governo in grado di farlo? Vedremo".