Richiamo alimentare

Ossido di etilene (cancerogeno) nei sughi "Più Gusto"

Il Ministero della Salute consiglia il ritiro precauzionale dei prodotti realizzati nello stabilimento di Quinto Vicentino.

Ossido di etilene (cancerogeno) nei sughi "Più Gusto"
Cronaca Vicenza, 04 Agosto 2021 ore 12:06

Sughi ai 4 formaggi e alla carbonara con tracce di ossido di etilene prodotti dalla Koch Snc di Gojer Peter & C. nello stabilimento di viale del Lavoro 1 a Quinto Vicentino. Il Ministero della Salute ha emesso un richiamo alimentare per alcuni prodotti. Ecco i lotti.

Ossido di etilene (cancerogeno) nei sughi "Più Gusto"

L'ossido di etilene uccide batteri, muffe e funghi; trova uso come agente sterilizzante come alternativa alla pastorizzazione per quei prodotti termolabili che verrebbero danneggiati dal calore. Viene inoltre usato per la sterilizzazione dei materiali e degli strumenti usati in chirurgia. L'ossido di etilene è tossico per inalazione; l'esposizione ad esso prolungata per alcuni minuti può provocare mal di testa e confusione seguiti da convulsioni, fino a colpi apoplettici e coma nel caso di un'esposizione più prolungata.

Per tutti questi motivi, evidentemente, il Ministero della Salute ha emesso quattro avvisi di richiamo alimentare mirati al ritiro di altrettanti prodotti realizzati dalla ditta Koch Snc di Gojer Peter & C. nello stabilimento di viale del Lavoro 1 a Quinto Vicentino. Si tratta dei sughi della linea "Più Gusto". Ecco i lotti da ritirare:

"Possibile presenza di ossido di etilene in una additivo (farina di semi di carrube) impiegata dal fornitore Unigrà Srl nella materia prima Bravo Crem (prodotto UHT per preparazioni di cucina) impiegata nella produzione del sugo".

È anche un irritante delle vie respiratorie e può provocare in esse versamento di liquidi anche ore dopo l'avvenuta esposizione. Sulle cavie, la sperimentazione ha dimostrato che l'ossido di etilene provoca cancro al fegato e problemi riproduttivi (aborti spontanei e mutazioni nella progenie). Sugli esseri umani non sono disponibili dati certi, ma è probabile che gli effetti siano analoghi. È accertato invece che un'esposizione cronica all'ossido di etilene provochi la cataratta.