Cronaca
Thiene

No vax si ammala di Covid ma rifiuta di essere intubato: 48enne muore poco dopo, lascia 3 figli

Il personale sanitario ha cercato in tutti i modi di rianimarlo all’ospedale San Bortolo ma per lui non c’è stato nulla da fare.

No vax si ammala di Covid ma rifiuta di essere intubato: 48enne muore poco dopo, lascia 3 figli
Cronaca Thiene e Valdastico, 30 Dicembre 2021 ore 11:23

La famiglia ha cercato in tutti i modi di convincerlo a farsi aiutare dai medici ma lui non ha ceduto.

No vax si ammala di Covid ma rifiuta di essere intubato

Un appello disperato di farsi aiutare dai medici quello della famiglia rivolto ad Alessandro Mores, 48enne no vax di Thiene che dopo essersi ammalato di Covid ha rifiutato il trattamento che gli avrebbe permesso di rimanere in vita e sconfiggere il Covid. Mores ha rifiutato di essere intubato e il suo cuore ha smesso di battere poco dopo nella serata di martedì 28 dicembre 2021, il personale sanitario ha cercato in tutti i modi di rianimarlo all’ospedale San Bortolo ma per lui non c’è stato nulla da fare.

Conosciuto e amato per il suo sorriso e la voglia di stare insieme alla famiglia e agli amici, Mores era un originario di San Giorgio al Tagliamento, faceva il rappresentante di generi alimentari. Lascia tre figli.

I primi sintomi

Due settimane fa Mores aveva manifestato i primi sintomi fino all’aggravarsi del suo stato di salute nel pomeriggio di martedì quando il figlio più grande, di 21 anni, ha chiamato il 118 spiegando che il padre faticava a respirare.

Immediata la corsa al Pronto Soccorso Covid dell’ospedale San Bortolo dove i medici hanno compreso fin da subito che il suo quadro clinico era grave. Mores ha ribadito più volte di voler firmare un foglio per dichiarare di non voler essere intubato, che sarebbe riuscito a guarire in ogni caso.

Il 48enne è stato trasferito nel reparto di rianimazione Covid e i medici hanno chiamato i famigliari nella speranza che loro riuscissero a convincerlo nel sottoporsi alle cure e farsi intubare per ricevere l’ossigeno, ma nessuna supplica purtroppo è servita per fargli cambiare idea.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter