Cronaca
Vicenza

Minacciano l’addetto alla vigilanza del supermercato, gli rubano il cellulare poi tentano la fuga

Immediatamente individuati e bloccati nelle adiacenze dai militari, il 39enne ha reagito cercando di colpire con pugni e calci uno dei militari.

Minacciano l’addetto alla vigilanza del supermercato, gli rubano il cellulare poi tentano la fuga
Cronaca Vicenza, 27 Maggio 2022 ore 14:41

Arrestati due extracomunitari per rapina e violenza a Pubblico Ufficiale.

Minacciano l’addetto alla vigilanza del supermercato

Nella mattinata di giovedì 26 maggio 2022 a Vicenza, i militari della Sezione Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Vicenza, coadiuvati dagli agenti della Sezione Volanti della locale Questura, traevano in arresto nella flagranza di reato di concorso in rapina, O.B. 29enne, e U.L. 39enne, quest’ultimo anche per la flagranza del reato di violenza a Pubblico Ufficiale, entrambi di nazionalità nigeriana, senza fissa dimora e incensurati.

I medesimi, nel parcheggio sotterraneo del supermercato Despar, ubicato in Borgo Berga, venivano sorpresi da un addetto alla security mentre stavano importunando alcuni clienti.
All’invito da parte dell’addetto di smetterla e allontanarsi, l’uomo veniva da entrambi minacciato e aggredito; nella circostanza O.B. gli sottraeva il telefono cellulare dileguandosi velocemente a piedi seguito dal complice.

Restituito il cellulare

Immediatamente individuati e bloccati nelle adiacenze dai militari (nel frattempo alcuni clienti avevano contattato il 112), U.L., nell’atto di evitare l’ammanettamento, reagiva cercando di colpire con pugni e calci uno dei militari, senza riuscirvi.

Il telefono cellulare, che durante la fuga veniva gettato a terra, veniva recuperato e restituito al legittimo proprietario.

Gli arrestati, al termine delle formalità di rito, venivano accompagnati presso le camere di sicurezza delle Tenenze Carabinieri di Dueville e Montecchio Maggiore, in attesa dell’udienza di convalida.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter