Menu
Cerca
Vicenda assurda

Minacce di morte no vax per il presidente dell’ordine dei medici di Vicenza

Il vero nemico è il Covid. Ma per alcuni questo aspetto non è ancora molto chiaro. E accadono episodi incredibili come questo...

Minacce di morte no vax per il presidente dell’ordine dei medici di Vicenza
Cronaca Vicenza, 15 Marzo 2021 ore 16:17

Ha espresso il suo parere augurandosi che i medici accogliessero l’invito a vaccinarsi contro il Covid. Il risultato? E’ stato minacciato di morte dai no vax.

Minacce di morte no vax al presidente Michele Valente

Frasi terribili, indirizzate a una persona che ha semplicemente espresso il proprio parere. E’ quanto è successo in questi giorni al presidente dell’Ordine dei medici di Vicenza, Michele Valente, “colpevole” di aver invitato i colleghi a vaccinarsi contro il nemico invisibile che sta seminando morte da più di un anno in tutto il mondo.

“Ti auguriamo di morire di Covid ma, siccome è un virus inventato, speriamo che tu muoia presto per qualche altra malattia”.

Gli è bastato pronunciare semplicemente quello che un presidente dell’ordine dei medici dovrebbe, di norma, dire: un invito ai colleghi in camice bianco a vaccinarsi contro il Covid. Ed è stato letteralmente travolto dagli insulti. Ma non solo. Perché poi Michele Valente, presidente appunto dell’Omceo di Vicenza, è stato oggetto di minacce di morte da parte di anonimi esponenti no vax.

Frasi inaccettabili di una violenza inaudita

Il Comunicato dell’Omceo di Venezia.

Massima solidarietà di tutti gli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri del Veneto al Presidente dell’Ordine di Vicenza Dott. Michele Valente.

“Come Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri del Veneto esprimiamo la massima solidarietà al Presidente dell’Ordine di Vicenza Dott. Michele Valente che ha recentemente subito delle incomprensibili minacce di morte “Muori tu e tutti quelli che si vaccinano come te”- “Ti auguriamo di morire di Covid ma, siccome è un virus inventato, speriamo che tu muoia presto di qualche altra malattia “.

Questo solo per difendere i principi in cui tutti noi medici ed odontoiatri crediamo, il rispetto della realtà scientifica, la tutela dei nostri pazienti e di tutti i cittadini .

Queste minacce, anche se vili ed anonime, non devono essere sottovalutate in un momento estremamente difficile per tutto il paese, in cui viene richiesto un corretto rispetto delle zone rosse ed arancioni, di nuove limitazioni alla libertà individuale, l’ulteriore sacrificio di moltissime categorie economiche a partita IVA dopo un anno di privazioni , categorie a cui sono indispensabili tangibili aiuti da parte dello Stato per motivi economici e morali.

Ribadiamo ancora una volta che i vaccini hanno salvato l’umanità in un recente passato e ci salveranno anche questa volta, che alcune reazioni allergiche ci sono sempre state mentre e non devono essere enfatizzate ma considerate per quello che sono nella loro reale importanza dall’opinione pubblica e dall’autorità giudiziaria, che le cause di alcuni decessi a seguito temporale di decine di milioni di vaccinazioni devono essere correlate adeguatamente dal punto di vista scientifico se dipendenti o solo causali.

Nel rispetto di tutti i caduti per questa malattia e dei loro familiari, di tutti gli operatori sanitari che hanno perso la vita nella battaglia contro il Covid e di quelli che stanno lavorando in queste ore ininterrottamente anche di sabato e domenica per accelerare il ritmo delle vaccinazioni o curare i malati, va al Presidente Valente il nostro ringraziamento per il suo impegno da parte di tutti i Consigli degli Ordini del Veneto”.

Solidarietà da Fimmg Veneto

La FIMMG Veneto e il suo segretario Maurizio Scassola condannano fermamente le ignobili minacce di morte arrivate dai no-vax al presidente dell’Ordine dei Medici di Vicenza Michele Valente, solo per aver pubblicamente invitato gli iscritti a vaccinarsi contro il Covid.

“A Michele Valente – sottolinea il segretario – va la massima solidarietà dei medici di famiglia veneti per i vili e feroci insulti ricevuti in queste settimane. Condividiamo e sosteniamo con decisione le sue posizioni a difesa della vaccinazione, arma fondamentale per uscire dall’emergenza sanitaria e per tutelare la salute della popolazione, e della realtà scientifica.

Il nostro grazie più sincero a lui, per il suo impegno, e a tutti i colleghi che dall’inizio della pandemia, più di un anno ormai, lottano ogni giorno contro il virus per sconfiggerlo e per offrire ai cittadini le cure migliori. È il Covid l’unico vero nemico da battere“.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli