Sopra Caltrano

Malghe del territorio, investimento da 150mila euro per una nuova rete idrica – FOTO

Investimenti per 150.000 euro per una nuova rete idrica a servizio delle malghe del territorio, sinergia con Etra i consigli di bacino Bacchiglione e Brenta.

Malghe del territorio, investimento da 150mila euro per una nuova rete idrica – FOTO
Thiene e Valdastico, 24 Settembre 2020 ore 14:09

Viacqua interverrà nel 2021 per posare in totale 1,5 km di nuove condotte.

Impegno da 150mila euro

Si inserisce nel maxi intervento di realizzazione del nuovo acquedotto a servizio delle malghe di Caltrano, l’investimento che Viacqua ha approvato, in sinergia con Etra spa, il Comune di Caltrano e i Consigli di Bacino Bacchiglione e Brenta. Con un impegno pari a 150.000 euro, Viacqua interverrà nel 2021 per posare in totale 1,5 km di nuove condotte, seguendo il tracciato della strada militare che conduce alle malghe Carriola, ex Carrioletta e Paù. L’intervento sarà poi completato dagli opportuni allacciamenti.

Presentato dal Comune di Caltrano

Il progetto complessivo, presentato dal Comune di Caltrano, è beneficiario di un finanziamento nell’ambito del Piano di Sviluppo Rurale della Regione Veneto e prevede la realizzazione di un tratto di rete di adduzione da Val Magnaboschi, nel territorio di Roana, fino a Pozza di Favero, in comune di Caltrano. Tra le opere si inseriscono anche le realizzazioni di una stazione di pompaggio e di due nuovi serbatoi, oltre alla rete di distribuzione che si estenderà fino al confine comunale. Da qui si svilupperà l’intervento di Viacqua, che completerà l’estensione della rete alle tre malghe. Vista la localizzazione dell’intervento, in un’area montana dove si inseriscono diverse attività ricettive, turistiche e produttive nell’ambito della filiera lattiero-casearia, sarà possibile dare risposta a molteplici criticità che ormai si presentano da anni. Innanzitutto si potranno innalzare gli standard igienici, in particolar modo legati alla lavorazione dei prodotti caseari, degli alimenti e alla pulizia dei servizi. Si offrirà poi un prezioso sostegno alla produttività delle malghe, fino ad ora fortemente condizionate, anche in termini economici, dagli interventi obbligatori di de-batterizzazione dei limitati quantitativi di acqua. Valore aggiunto dell’intervento sarà infine il superamento della criticità dettata dall’assenza di acquedotto nell’area, individuata nel Piano d’Ambito redatto da AATO Bacchiglione, con il conseguente raggiungimento dell’obiettivo di estendere il servizio a quelle fette di popolazione non ancora allacciate.

I commenti

In merito alle scelte di cantiere, le condotte verranno posate sotto il sedime dell’esistente strada militare che collega le malghe, scendendo con gli scavi fino ad una profondità di 1,5 m per scongiurare la possibilità di congelamento nei rigidi mesi invernali.

“Questo intervento – spiega il Presidente di Viacqua, Angelo Guzzo – conferma l’importanza del lavoro di squadra tra gestori idrici e Amministrazioni. Solo così si può dare forma ad un progetto complessivo che permetterà di dare nuove opportunità di sviluppo in chiave turistica e produttiva anche ai territori più fragili come quelli di montagna di cui è tappezzato anche il bacino servito da Viacqua.”

E ancora:

“Ringrazio innanzitutto il Presidente Angelo Guzzo – è il commento del sindaco di Caltrano, Luca Sandonà – per la sensibilità dimostrata nei confronti di zone periferiche. ma importanti per lo sviluppo del settore turistico nel Vicentino. Sono contento che il nuovo Direttore di Viacqua, ing. Alberto Piccoli, che ha maturato un’importante esperienza come dipendente nella Provincia di Vicenza, abbia svolto un sopralluogo nel nostro territorio montano due giorni dopo la presa di servizio nel nuovo prestigioso incarico, dimostrando fin da subito grande competenza tecnica. Sono grato inoltre anche al Consiglio di Amministrazione che, su proposta di questa Amministrazione Comunale, ha deliberato l’estensione di un corrugato che renderà possibile portare nella zona oggetto di estensione dell’acquedotto anche internet e la rete telefonica. Ciò è particolarmente importante in termini di sicurezza, poiché in caso di incidenti sarà più agevole prendere contatto con i soccorritori e utilizzare la pista dell’elisoccorso.”

4 foto Sfoglia la gallery
Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità