La favola della giovane Maggie Dalla Gassa

Nelle scorse settimane ha vinto la fascia di Miss Vicenza e nei prossimi giorni sarà a Gallipoli a rappresentare la regione alle finali di Miss Mondo.

La favola della giovane Maggie Dalla Gassa
Bassano, 03 Giugno 2019 ore 15:05

La favola della giovane Maggie Dalla Gassa

L’inizio di questa storia potrebbe essere lo stesso di una favola dato che la protagonista è una reginetta. C’era una volta quindi una bambina di nome Maggie Dalla Gassa che sognava un giorno di diventare la più bella di tutte. Guardando le bambole con cui giocava, si immaginava come sarebbe stata un giorno. Poi questa bambina è cresciuta diventando quello che voleva. Nei suoi occhi verdi, c’è la determinazione a raggiungere il risultato ad ogni costo. Ma se tutte le favole hanno sempre un lieto fine, quello di Maggie si deve ancora scrivere. Nelle scorse settimane a Camisano Vicentino ha vinto la fascia di Miss Vicenza e nei prossimi giorni sarà a Gallipoli a rappresentare la nostra regione alle finali di Miss Mondo. Per la 17enne di Tezze sul Brenta (ma molto conosciuta a Bassano che frequenta e dove ha studiato) è un risultato che ha sorpreso lei prima di tutto dato che era al debutto.

Come ci è finita sopra ad una passerella?

«Già da bambina volevo diventare una miss. Per motivi anagrafici non ho potuto partecipare ai vari concorsi di bellezza. Ma appena è stato possibile, mi sono tuffata in questa avventura senza aver nulla da perdere ma tutto da guadagnare».

Chi l’ha aiutata in questo percorso?

«Fondamentale è stato l’incontro con Antonella Marcon dell’agenzia “Antonella Academy Agency”. Lei è un guru di questo mondo, in quanto aiuta le ragazze a fare strada nel campo della moda. La sua accademia cerca di formare giovani talenti alla ricerca di nuove esperienze, grazie anche alla collaborazione di concorsi nazionali e svariati partner commerciali del mondo dello spettacolo, della comunicazione e della moda. La loro mission è una formazione creativa e alternativa al mondo dello spettacolo. In più la Marcon è la dirigente del concorso miss mondo. Appena ci siamo incontrate, ha deciso di darmi una chance».

Ci racconta del concorso di Camisano Vicentino?

«Si trattava di uno speciale concorso dove la vincitrice avrebbe superato la fase successiva. E’ stato un insieme incredibile di emozioni. All’inizio ero un po' impaurita ed imbarazzata, ma era normale visto che si trattava della prima volta. Ricordo il ritmo frenetico del backstage, ci sono volute ben cinque ore per la preparazione dei numeri e dei vestiti degli sponsor. Poi però ho preso un po’ di coraggio e una volta salita sulla passerella tutto è scomparso. Ce l’ho fatta a vincere e, al di là del risultato, per me si è trattata di una bellissima esperienza dato che ho stretto amicizia con le altre ragazze. Sempre in questa manifestazione, ho vinto la fascia di Miss Influencer, Miss Accademia e Miss Hair Fashion. Tutto ciò mi ha permesso di vincere una borsa di studio. Ora dal 31 maggio al 5 giugno, rappresenterò il Veneto nelle finali nazionali di Miss Mondo. Spero di riuscire ad ottenere un bel risultato, da parte mia ce la metterò tutta. Occorre citare che la manifestazione di Gallipoli è un evento legato al progetto di solidarietà per le donne vittime di violenza».

Cos’ha provato quando ha saputo di essere la vincitrice?

«Mi sono commossa ma sono riuscita a trattenere le lacrime per non farle vedere alle altre ragazze».

Ci racconta un po’ di lei?

«Assieme a mia sorella Suna, lavoro nel nostro bar a Tezze sul Brenta. Sempre con lei coltivo la passione del canto, facciamo parte dell’associazione “Artesia” di Cartigliano. Mi piace anche frequentare il gruppo dei giovanissimi del mio paese».

Cosa sogna di diventare?

«Sono una ragazza molto ambiziosa, quindi spero che questi concorsi mi aprano le porte del successo nel mondo dello spettacolo».

A casa cosa dicono?

«Non finirò mai di ringraziare i miei famigliari che mi stanno aiutando. Da mio papà Antonio a mia mamma Loredana che era felicissima quando ho vinto, quasi non ci credeva. Ma grazie anche a mia sorella Suna e Nuiska. Quest’ultima è titolare di un salone e si occupa della mia acconciatura. Infine, vorrei ringraziare la mia amica Mery che pure lei mi sta aiutando».