Menu
Cerca

Individuato il sodalizio criminale per lo spaccio a Schio

Un anno di indagini hanno portato a diversi nomi di criminali portando alla luce le loro attività illecite.

Individuato il sodalizio criminale per lo spaccio a Schio
Cronaca Schio e Valdagno, 31 Luglio 2019 ore 14:00

Individuato il sodalizio criminale per lo spaccio a Schio

In questi ultimi giorni Il Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Schio è stato impegnato nelle operazioni conclusive scaturite da un’indagine antidroga nata a settembre 2018. Suddetta indagine nasceva da diverse informazioni, raccolte all’epoca dai militari della Compagnia, secondo le quali si era formato a Schio un sodalizio criminale composto da soggetti stranieri di origine africana (in particolare nigeriani) che era dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti. Le attività investigative, concentratesi all’inizio sull’osservazione dei movimenti di tali personaggi al fine di dimostrare la fondatezza delle informazioni ricevute, hanno permesso di dare veridicità alle stesse e pertanto le indagini si sono potute espandere anche da un punto di vista tecnico, rintracciando i numeri di telefono in uso ai soggetti e ponendoli sotto intercettazione.

L’attività investigativa è durata quasi un anno in quanto non è stato semplice ricostruire i ruoli dei singoli indagati all’interno del gruppo, poiché cambiavano spesso i telefoni utilizzati e si spostavano principalmente in bicicletta per effettuare l’attività di spaccio.
Le attività illecite poste in essere da tutto il sodalizio monitorato sono risultate funzionanti a tal punto che gli stessi ormai sapevano di potersi garantire un guadagno di almeno 3.000 Euro a settimana senza particolari difficoltà potendo contare su un sistema ormai ben definito che li poneva in parte al riparo dai controlli delle FF. di PP., ed in particolare:

a) acquisti di droga tramite pochi ovuli trasportati internamente al proprio corpo da Vicenza;

b) lo smercio della droga al dettaglio confezionando microdosi da 0,10/0,15 grammi circa, facili da trasportare in bocca, e veloci da vendere al prezzo di 10 Euro cadauna (e quindi per una somma di denaro praticamente disponibile a tutti, anche ai giovanissimi);

c) lo spaccio veniva effettuato presso luoghi di aggregazione giovanile quali scuole, parchi giochi e parchi pubblici, locali pubblici, stazioni treni e/o corriere;

d) spostamenti effettuati quasi principalmente in bicicletta e/o tramite il continuo ricambio di clienti tossicomani;

e) versamento settimanale del denaro su conti correnti esteri (tramite poste-pay);

f) Solo nel caso di ordini più consistenti, venivano incaricati corrieri domiciliati in province metropolitane (Milano-Torino-Genova-Roma-Napoli), i quali non effettuavano consegne direttamente, ma tramite parentela;

g) il domicilio veniva trovato in appartamenti il cui contratto d’affitto veniva intestato ad un prestanome previo compenso in denaro (300/400 Euro).

A riprova della continua volontà di delinquere dei soggetti indagati, che d’altronde indica in maniera inequivocabile come tutti traessero ampio guadagno dalle specifiche attività illecite sopra descritte, giungevano le testimonianze dei vari tossicodipendenti che evidenziavano come ogni tentativo di sottrarsi al consumo di droghe venisse reso vano dalle continue insistenze degli spacciatori che, tra l’altro, usavano passarsi tra loro appunti contenenti i nomi ed i numeri di telefono di buona parte della clientela tossicomane
affinché, anche dopo ogni arresto, venisse mantenuta l’attività illecita da parte degli altri complici. Inequivocabili d’altronde risultavano le ulteriori informazioni acquisite dagli operatori delle principali cooperative di accoglienza locali, che già da tempo avevano provveduto ad allontanare parte dei soggetti indagati, dai rispettivi programmi, per motivazioni tutte comuni ai vari componenti del sodalizio, ovvero:

a) mancanza di rispetto degli orari e delle regole imposte dal programma;

b) possesso di cospicue somme di denaro e beni mobili alle cui richieste di spiegazioni seguivano comportamenti aggressivi;

c) comportamenti aggressivi e/o violenti ad ogni controllo non preannunciato e/o richiesta di spiegazioni da parte degli operatori della cooperativa.

L’attività d’indagine svolta ha permesso inoltre di evidenziare come l’attività di spaccio fosse particolarmente pericolosa sotto il profilo sociale se non della stessa incolumità pubblica, in quanto si sono riusciti a ricondurre presumibilmente ad essa numerosi episodi di “overdose” (almeno 8) avvenuti anche prima che l’indagine iniziasse e che avevano trovato l’apice nei decessi del 4 giugno 2017 e del 10 settembre 2017 di due ragazzi. Nel corso di questi 18 mesi di investigazioni alcuni dei componenti del sodalizio sono stati arrestati in flagranza, come:
- JULLY David, nato in Nigeria cl. 1994, trovato con 17 dosi preconfezionate di eroina ed un taser (arrestato il 01.10.2018)

- DOMINIC Emmanuel, nato in Nigeria cl. 1980, trovato con 22 gr. di eroina, 1950 euro, 1 bilancino, 1 cellulare (arrestato il 21.10.2018)

- IBHAWOH Osesumhen Destiny, nato in Nigeria il cl.1993, trovato con 18.7 gr di eroina (33 dosi + 1 ovulo), 4.5 gr cocaina (12 dosi), 985 euro, 9 cellulari e 3 pc (arrestato il 14.11.2018)

Negli ultimi giorni, a seguito della conclusione delle indagini e delle risultanze ottenute, il Tribunale e la Procura di Vicenza hanno accolto le richieste formulate dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, emettendo diversi ordini di perquisizione e di custodia cautelare in carcere nei confronti di alcuni degli indagati, mentre per gli altri è stata notificata la richiesta di rinvio a giudizio.

In particolare sono stati arrestati e condotti in carcere OSEOBOH STANLEY, nato in Nigeria cl. 1990, e EFE GODFREY, nato in Nigeria cl. 1994 (quest’ultimo, a capo del sodalizio dopo l’arresto di IBHAWOH OSESUMHEN DESTINY, è stato contemporaneamente arrestato in flagranza di reato in quanto trovato in possesso di ingente quantità di sostanza stupefacente eroina e cocaina), mentre sono stati perquisiti:

  •  B.I., nato in Nigeria cl. 1995, nullafacente gravato da pregiudizi di polizia;
  • O.C., nato in Nigeria cl. 1991, nullafacente gravato da pregiudizi di polizia;
  • E.T., nato in Nigeria cl. 1991, nullafacente incensurato; e contestualmente deferiti s.l. per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente in quanto, all’interno della propria abitazione, sono stati rinvenuti gr. 90 di marjuana confezionata in 4 involucri.

Tutto ciò che è stato riscontrato negli ultimi giorni, mentre venivano applicati i vari decreti emessi dal Tribunale di Vicenza, contribuiscono a supportare i riscontri investigativi effettuati in quasi 12 mesi e dimostrano come i soggetti indagati stiano continuando a commettere le stesse tipologie di reati.