Vicenza

Il generale Vannacci a Vicenza per presentare il suo nuovo libro con Cruciani, l'Anpi invoca la "clausola antifascista"

L’evento ha riportato all’attenzione il tema della clausola antifascista per la concessione di spazi comunali

Il generale Vannacci a Vicenza per presentare il suo nuovo libro con Cruciani, l'Anpi invoca la "clausola antifascista"
Pubblicato:
Aggiornato:

Sabato 23 marzo 2024 il generale Roberto Vannacci presenterà al Teatro Astra di Vicenza il suo nuovo libro "Il coraggio vince". L'evento, a cui parteciperà anche Giuseppe Cruciani, ha fatto scoppiare la polemica in particolare per via di una "clausola antifascista" per la concessione di spazi comunali, a fronte delle posizioni del militare nei confronti di gay, femminismo e migranti.

Il generale Vannacci al Teatro Astra per presentare "Il coraggio vince"

E' in arrivo la tappa vicentina di Roberto Vannacci per la presentazione del suo ultimo libro "Il coraggio vince. Vita e valori di un generale”.

L'appuntamento è atteso il prossimo sabato 23 marzo 2024 al Teatro Astra.

Un volume molto personale, che accompagna il lettore, si legge nella presentazione, "alla scoperta di un uomo che ha scelto di essere incursore in ogni momento della vita, protagonista di scelte imprevedibili e non convenzionali".

La clausola antifascista

Trattandosi di un luogo di proprietà del Comune, chiunque può inoltrare una richiesta di utilizzo degli spazi del teatro attraverso il portale ufficiale. E così hanno fatto i promotori dell’evento, curato da Michela Morellato e con la partecipazione del giornalista radiofonico e conduttore de La Zanzara, Giuseppe Cruciani.

Giuseppe Cruciani

Ma questa scelta ha scatenato non poche polemiche, anzi, ha riportato all'attenzione il tema della clausola antifascista per la concessione di spazi comunali. L'Anpi Vicenza ha, infatti, voluto scrivere al sindaco in merito all’incontro in programma.

"Vannacci ha espresso più volte opinioni reazionarie, intrise di omofobia e razzismo, in aperto contrasto con la Costituzione".

Un dibattito a cui Cruciani ha voluto partecipare con un post pubblicato sul profilo “X” de La Zanzara.

«Perché uno per affittare una sala di un Comune o avere una commessa pubblica (parlo del comune di Vicenza) deve fare per forza una dichiarazione di antifascismo?"

Indetto un corteo di transfemministe contro l'evento

Sempre contrario alla presentazione di Vannacci all'Astra di Vicenza anche il movimento di transfemministe, che ha organizzato apertamente un corteo proprio durante l'evento di sabato 23 marzo 2024 per fermare la diffusione delle opinioni del generale.

Nel comunicato ufficiale delle femministe si legge così:

“Essere una città transfemminista vuol dire essere antifascista, e l’abbiamo voluto scrivere in Viale Roma a chiare lettere. Lì dove oggi si ritroveranno i soliti nostalgici del ventennio, che ancora non riescono a capire che non abbiamo bisogno di ronde fasciste per sentirci sicura per strada, ma abbiamo bisogno di servizi reali e per tutta. E non solo, non possiamo accettare che un fascista, misogino, sessista e razzista come Vannacci presenti il suo libro in città. Per questo, sabato 23 marzo ci ritroveremo alle 15.30 in Piazza Castello per una grande mobilitazione che vuole contestare la presenza di Vannacci in uno spazio pubblico a gestione comunale, perché lo vogliamo dire chiaramente a Vicenza non c'è nessuno spazio per fascisti, violenti, misogini e razzisti!”.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali