La replica

Esposto Cioni su buoni spesa Schio, Marigo: “Lo abbiamo invitato noi a presentarlo”

Il vicesindaco Marigo interviene sull'esposto presentato alla Guardia di Finanza dal consigliere comunale Cioni: "Controlli ci sarebbe stati a prescindere".

Esposto Cioni su buoni spesa Schio, Marigo: “Lo abbiamo invitato noi a presentarlo”
Schio e Valdagno, 22 Maggio 2020 ore 15:14

Le dichiarazioni di Cristina Marigo dopo l’esposto presentato dal consigliere comunale Alex Cioni alla Guardia di Finanza.

L’intervento del vicesindaco Marigo

Dopo l’esposto presentato dal consigliere comunale Alex Cioni alla Guardia di Finanza per una verifica sulla corretta assegnazione dei buoni spesa destinati alle famiglie in difficoltà a causa della pandemia interviene il vicesindaco e assessore al sociale Cristina Marigo:
«Nella gestione delle misure di sostegno per le famiglie in difficoltà economica abbiamo cercato di velocizzare l’iter delle procedure burocratiche per poter dare risposte celeri e concrete ai nostri cittadini, molti dei quali si trovano in condizioni fortemente problematiche a seguito delle conseguenze dell’emergenza sanitaria ancora in corso. L’eccezionalità di questo periodo di emergenza, però, oltre a richiedere una celerità d’intervento da parte delle istituzioni richiama ancor di più alla responsabilità e all’onestà individuale dei cittadini – dice l’assessore Marigo -. Come per ogni assegnazione di contributo pubblico anche per i buoni spesa sono previsti dei controlli da parte delle autorità preposte.

L’iter sarebbe partito comunque

«Ogni anno i dati di quanti richiedono un sostegno economico all’Amministrazione vengono consegnati alla Guardia di Finanza per le relative verifiche. Questa procedura è prevista, ovviamente, di default anche per i buoni spesa e di conseguenza a prescindere dall’esposto presentato l’iter di controllo sarebbe partito ugualmente. Non è tutto: quando il consigliere Cioni ha espresso le sue perplessità riguardo alle modalità di assegnazione dei buoni spesa, in conferenza dei capigruppo, è stato prontamente invitato da noi a rivolgersi alla Guardia di Finanza. E’ interesse di tutti, Amministrazione in primis, capire se qualche cittadino si è comportato scorrettamente o se ha reso false dichiarazioni. Ci tengo a sottolineare, però, la professionalità e l’accuratezza del personale dei nostri uffici che in questo periodo emergenziale ha svolto un lavoro fondamentale per riuscire a dare risposte immediate agli scledensi in difficoltà».

“Cittadinanza italiana non era prerequisito richiesto”

Per quanto riguarda  le riflessioni di Cioni rispetto alle domande inoltrate da cittadini stranieri l’assessore Marigo aggiunge:
«La titolarità o meno della cittadinanza italiana non era uno dei prerequisiti richiesti dall’ordinanza ministeriale per ottenere i buoni spesa. Il contributo a sostegno delle famiglie in difficoltà a causa del Covid-19 non faceva alcun riferimento al possesso o meno della cittadinanza e come Comune ci siamo mossi secondo quanto indicato dal bando. Voglio far presente, poi, al consigliere Cioni che ha sottolineato la presenza di molti nomi stranieri stranieri nella lista dei beneficiari che anche una persona con un nome straniero può essere un cittadino italiano».
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità