Edificio ex scuola media Bellavitis: Interventi di bonifica dei materiali contenenti amianto

La Spisal assicura che i lavori saranno eseguiti in piena sicurezza da una ditta specializzata ediscritta all’Albo dei gestori Ambientali per le bonifiche amianto.

Edificio ex scuola media Bellavitis: Interventi di bonifica dei materiali contenenti amianto
Bassano, 01 Maggio 2019 ore 16:30

Edificio ex scuola media Bellavitis: Interventi di bonifica dei materiali contenenti amianto

Da giovedì 2 maggio 2019 è previsto l’inizio dei lavori di bonifica dell’ex scuola media Bellavitis dagli elementi strutturali contenenti amianto. A fronte della limitata presenza di tale inquinante, che verrà pretrattato e inertizzato prima della sua rimozione, l'attività non presenterà elevati margini di rischio per la salute pubblica e richiederà un tempo limitato di lavorazione. Il piano di bonifica dei materiali contenenti amianto verrà eseguito da una ditta specializzata e abilitata a norma di legge, garantendo quindi tutte le misure precauzionali a tutela dei lavoratori e dell’ambiente circostante.
Nonostante ciò, l'attività di bonifica vedrà l'impegno nella sorveglianza e nel monitoraggio, per gli aspetti di propria competenza, di Spisal, Arpav e Comune. Ciò anche per rispondere alle preoccupazioni manifestate dai residenti del quartiere espresse in sede di assemblea di quartiere. A tal fine, in aggiunta al monitoraggio obbligatorio per legge a tutela della salute dei lavoratori, saranno effettuati, durante l’esecuzione dei lavori, specifici monitoraggi per il rilievo della presenza di fibre di amianto disperse nell’aria, in particolare nelle zone in prossimità delle abitazioni. Tale attività, a tutela dei residenti del quartiere, vedrà la supervisione di Arpav, con la quale sono stati pianificati i punti di campionamento dell'aria. Eventuali problematiche ambientali connesse alla bonifiche potranno in questo modo determinare l'immediata sospensione delle attività e la messa in sicurezza del sito.

L'impegno e l'attenzione dell'Amministrazione rimane quindi alta, al fine di giungere quanto prima alla completa bonifica di un sito posto all'interno di un quartiere densamente popolato, con la risoluzione di una problematica che da troppo tempo affligge  questa popolata parte di città.

La Spisal assicura che i lavori saranno eseguiti in piena sicurezza

Spisal (autorità competente dell’approvazione del piano di lavoro per la bonifica) assicura che i lavori inerenti la bonifica relativa agli elementi in amianto saranno eseguiti in piena sicurezza da una ditta specializzata ediscritta all’Albo dei gestori Ambientali per le bonifiche amianto. Gli operatori presenti nell’area di cantiere sono quindi esperti e hanno frequentato uno specifico corso di formazione sui rischi derivanti dalla presenza di amianto e sulle modalità operative per il contenimento dell’esposizione personale ed ambientale. Durante i lavori di bonifica saranno attive due tipologie di monitoraggio. La prima è relativa all’esposizione dei lavoratori attraverso specifici apparecchi che saranno indossati dal personale di cantiere per misurare eventuali fibre presenti nell’aria.
Questo monitoraggio rappresenta una garanzia anche per i residenti della zona, tenuto conto del fatto che i lavoratori, per l’attività svolta, sono le persone che per prime sono esposte e quindi eventuali problemi sarebbero immediatamente rilevati. Il secondo monitoraggio, di tipo ambientale, vedrà la presenza di centraline collocate lungo il perimetro di intervento, vigilate da tecnici dell’Arpav (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente Veneto). A questo si aggiungeranno la sorveglianza e il controllo della regolarità dei lavori da parte di personale dell’Ufficio Tecnico comunale che ogni giorno è incaricato di controllare l’andamento del lavoro.