Menu
Cerca

Desiree Lunardon e i suoi credo per far ritrovare la salute

«Il piede è il riflesso della nostra corteccia cerebrale, è come se dovessimo immaginare l’impianto elettrico di un immenso condominio».

Desiree Lunardon e i suoi credo per far ritrovare la salute
Bassano, 29 Aprile 2019 ore 17:00

Desiree Lunardon e i suoi credo per far ritrovare la salute

Il Dalai Lama considerava sei le perfezioni: la generosità , la disciplina, la pazienza, la perseveranza, la concentrazione e la conoscenza trascendente. Aggettivi che possono solo in parte descrivere l’esplosività e la professionalità, con una buona dose di dolcezza, di Desiree Lunardon che dal 1996 si occupa dello studio e dell’applicazione delle tecniche della riflessologia plantare e corporea. Il suo metodo ha come fondamenta gli insegnamenti e gli studi condotti da Lucia Torri Cianci che hanno dato alla sua già grande professionalità quel modo di vedere e di comprendere le cose sia a livello umano che lavorativo che sentiva pienamente tra le sue corde e riusciva ad esprimere al meglio le sue intenzioni. Quando una mente è aperta, non si accontenta di un solo aspetto del proprio lavoro ma cerca in tutti in modi di integrarlo e di donargli tutte le componenti necessarie per renderlo il più completo ed efficiente possibile. Ma se il nostro corpo è considerato da sempre la «macchina perfetta» per eccellenza non vanno escluse, perché sono una parte integrante, essenziale e fondamentale, le emozioni, gli stati d’animo, le percezione che ognuno di noi sperimenta in modo diverso
nella vita.

Il piede. Che “segreti” può rivelarti?

«Il piede è il riflesso della nostra corteccia cerebrale, è come se dovessimo immaginare l’impianto elettrico di un immenso condominio dove possiamo scoprire ciò che succede e quello che è successo da qui a sei mesi. Un vero specchio del nostro corpo e dell’anima» .

Oltre a lavorare sul corpo anche le emozioni sono il tuo obiettivo principale.

«Imparare ad ascoltarsi, a prendersi cura di sé, a non trascurare dei segnali che a volte non prendiamo davvero sul serio, è il primo passo per riuscire a vivere in piena consapevolezza con il proprio corpo nella sua totalità. Capire i bisogni, riuscire ad interpretare manifestazioni di disagi che il nostro corpo ci vuole comunicare non è una cosa semplice e a cui molte volte non siamo preparati. La parola stress viene usata per definire qualsiasi sintomo che non riusciamo a comprendere, a cui non sappiamo dare una spiegazione; ognuno di noi gli attribuisce una causa senza però indagare a fondo su quale sia la reale problematica. Quando il nostro cervello non è
conscio, e non vuole prendere consapevolezza di ciò che gli accade dentro e fuori di sé, tende a somatizzare e ad inglobare dentro di sé tutte quelle situazioni di disagio e malessere che incontra. Bisogna avere sempre molto rispetto per la persona e per i suoi momenti».

«Espressione dell’anima», un aiuto per riuscire a piccoli passi a dare voce e a non trattenere un sentimento; le malattie e i disturbi psicosomatici che danno il più da pensare ai giorni nostri; diventati un po’ tu tt i prigionieri dei nostri stati d’animo. Desiree ci tiene a precisare, «le sfumature, le interpretazioni sono molteplici e vorrei ribadire che a mio avviso la verità no ce l’ha in mano nessuno e c’è bisogno di grande collaborazione tra le varie parti per dare alla persona ciò di cui ha realmente bisogno e di cui necessita». La sua passione per la cura della persona la porta ad interagire con moltissime figure mediche che ampliano le sue concezioni e le danno la possibilità di integrare la sua professione con moltissime nozioni in più, riuscendo a fare una panoramica completa ed esaustiva di una macchina così complessa come può essere il nostro corpo. 22 anni che vive immersa in questo ambiente lavorativo e ricco di stimoli che la portano ad avere per la testa moltissime idee e attività che la vedranno molto presto raggiungere altri obiettivi ambiziosi e nuovi traguardi importanti. «Mi sono fatta da me», racconta scherzosamente, «sono partita con poco per poter far vedere e dare testimonianza a tutti che anche con il poco si possono raggiungere grandiosi risultati; perseveranza e costanza senza mai mollare neanche un centimetro; esserci sempre, presente. Dare agli altri più di quello che hai ripaga sempre e la ricompensa vale molto di più». Il suo è un affiancarsi con consapevolezza alla cura di una persona, collaborando con le figure mediche; l’obiettivo comune è quello del benessere nella sua totalità.

«Lo studio e la pratica della riflessologia plantare mi consente ogni giorno di abbracciare tante realtà ed aiutare tante persone, uomini, donne e bambini, con esperienza, amore e passione». Un vulcano in piena, idee esplosive e grande professionalità che accompagnano una ragazza dal sorriso coinvolgente e da un’amorevole dedizione al prossimo. Un chiaro esempio di come il lavoro e la passione se uniti possano dare dei risultati eccellenti.