Desideria Pasquale: presa la ladra di gioielli

La giovane colpevole è stata associata alla Casa Circondariale di Montorio Veronese.

Desideria Pasquale: presa la ladra di gioielli
Cronaca Schio e Valdagno, 03 Luglio 2019 ore 09:15

Desideria Pasquale: presa la ladra di gioielli

Lunedì 1 luglio alle ore 14.00 circa i militari del Nucleo Operativo E Radiomobile della Compagnia di Schio sono intervenuti su richiesta presso un’abitazione di Via Btg. Apolloni e hanno tratto in arresto in flagranza, per il reato di rapina impropria in concorso, Pasquale Desideria, nata a Trento nel 1998, domiciliata a Valli Del Pasubio, nullafacente con pregiudizi di polizia che, unitamente ad un complice in corso di identificazione, dopo aver forzato la finestra del soggiorno, è penetrata all’interno di un’abitazione della
suddetta via e si è impossessata di vari monili in oro e orologi ai danni della vittima 70enne, non presente in casa in quel momento poiché in vacanza.

I Carabinieri sono stati avvisati dal figlio del proprietario dell’immobile che, recatosi nella casa del genitore per prelevare alcuni oggetti, ha visto la finestra rotta e ha sentito dei rumori che provenivano dall’interno. Dopo aver chiesto aiuto al 112, i ladri si sono accorti della sua presenza e hanno tentato la fuga dal retro, ma l’uomo è riuscito a bloccare la Pasquale mentre il complice si è dato alla fuga. L’intervento della pattuglia è riuscito a fermare e far desistere la donna dal suo comportamento aggressivo, poiché la stessa si era avventata contro il figlio della vittima per cercare di guadagnarsi la fuga. La donna è nota ai militari della Compagnia per essere stata denunciata più volte nei mesi precedenti per altri furti in abitazione, messi a punto fingendosi una conoscente del proprietario di casa (solitamente anziano) e distraendolo mentre un complice prelevava oggetti di valore.

In considerazione del grave evento per il quale è stata fermata e per i suoi precedenti specifici, la Pasquale è stata dichiarata in stato di arresto e la refurtiva che aveva con sé è stata restituita all’avente diritto. Espletate le formalità di rito, è stata associata alla Casa Circondariale di Montorio Veronese.