Covid, tra ottobre e novembre controllate quasi 700 persone dalla Polizia Locale di Valdagno

Controlli domiciliari, pattuglie rafforzate, controllo dei locali e dei luoghi pubblici su tutto il territorio consortile.

Covid, tra ottobre e novembre controllate quasi 700 persone dalla Polizia Locale di Valdagno
Cronaca Schio e Valdagno, 07 Dicembre 2020 ore 16:57

nei mesi di ottobre e novembre quasi 700 persone controllate dalla Polizia Locale. Controlli domiciliari, pattuglie rafforzate, controllo dei locali e dei luoghi pubblici su tutto il territorio consortile.

I controlli della Polizia Locale

Ottobre e novembre sono stati due mesi intensi per le attività e i controlli anti-Covid da parte della Polizia Locale. La crescita dei contagi e la particolare diffusione nella valle dell’Agno hanno visto gli agenti del Consorzio di Polizia Locale Valle Agno impegnati intensamente a sensibilizzare la cittadinanza, informare sulle misure di contenimento, anche in una logica di prevenzione e accompagnamento.

Particolare attenzione è stata rivolta ai locali commerciali e di ristorazione e alla presenza continuativa nei luoghi pubblici a maggior rischio, soprattutto al fine di invitare la popolazione al rispetto delle normative anti-assembramento e all’uso della mascherina.

Sono state inoltre organizzate in tutti i Comuni consorziati  (Valdagno, Recoaro Terme, Cornedo Vicentino, Castelgomberto, oltre a di Monte di Malo, convenzionato da alcuni mesi) attività specifiche di controllo del rispetto delle numerose normative, in particolare relativamente ai luoghi pubblici, rafforzate nei giorni e negli orari a maggior rischio assembramento, come i fine settimana, anche con specifiche modifiche dell’orario di servizio, al fine di raddoppiare le pattuglie nei momenti più critici.

I controlli si sono orientati in particolare sull’obbligo di utilizzo della mascherina, sul divieto di assembramenti e sul rispetto delle misure previste per i locali pubblici.

Covid, tra ottobre e novembre controllate quasi 700 persone dalla Polizia Locale di Valdagno

Fondamentale attività di controllo delle persone in isolamento

Fondamentale anche l’attività di controllo dell’isolamento domiciliare obbligatorio delle persone positive al virus.

Complessivamente, l’attività ha visto:

  • 692 persone controllate, inclusi diversi accertamenti domiciliari sul rispetto dell’isolamento per covid-19.
  • Nei due mesi di ottobre e novembre, i locali controllati sono stati nel complesso 75.
  • Pe quanto riguarda le sanzioni, complessivamente sono state 39.
  • La suddivisione territoriale vede 28 sanzioni a Valdagno (di cui 3 rivolte a locali pubblici), 4 a Cornedo Vicentino, 3 a Castelgomberto (di cui 1 locale pubblico) e altre 4 a Monte di Malo (di cui 2 a locali pubblici).

Nel corso dell’attività svolta, inoltre, gli agenti hanno dovuto procedere alla denuncia di 4 persone per oltraggio a pubblico ufficiale, rifiuto di fornire le generalità o per false generalità.

I controlli hanno permesso anche di individuare un minorenne in possesso di sostanze stupefacenti, fermato a Recoaro Terme.

Attività monopolizzata dall’emergenza sanitaria

“Nell’ultimo periodo l’attività sul campo dei nostri agenti – ha spiegato il Comandante, Daniele Vani – è stata praticamente monopolizzata dall’emergenza sanitaria, cercando di assicurare la massima presenza sul territorio consortile. Le sanzioni sono state l’extrema ratio dei nostri controlli, che abbiamo voluto mirare soprattutto alla sensibilizzazione delle persone verso le misure di prevenzione basilari. In media comunque abbiamo notato una buona responsabilizzazione dei cittadini.”

Situazione particolare in valle

“La situazione particolarmente delicata in termini di contagi della nostra valle – è il commento del Presidente del Consorzio, Michele Cocco – ha portato a misure più restrittive e questo ha richiesto anche un’attività extra di controllo da parte della Polizia Locale, su un territorio molto esteso e su casistiche numerosissime. In queste settimane molti cittadini hanno chiesto con forza il rispetto delle misure e per questo abbiamo orientato al massimo l’attività degli agenti alla sensibilizzazione e al controllo delle normative anti-Covid, a tutela di tutti. Un’azione non sempre visibile, ma costante e continua su tutto il territorio consortile, con controlli domiciliari, pattugliamenti, verifiche nei locali e rafforzamento delle attività nei weekend e nei momenti a maggior rischio assembramento. Ringrazio gli agenti che, pur con le possibilità limitate, hanno dato il massimo e dimostrato grande sensibilità e disponibilità.”

LEGGI ANCHE:

Danni maltempo, Zaia: “Mezzo miliardo almeno” | Covid, +2550 positivi | Dati 7 dicembre 2020

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità