Menu
Cerca

Book crossing al Faber box

I libri, a Schio, tornano a far parte della nostra vita. Grande opportunità per grandi e piccini.

Book crossing al Faber box
Schio e Valdagno, 26 Marzo 2019 ore 17:30

Scambio di libri. Con il Book crossing al Faber box si va incontro al numeroso popolo dei lettori che non perde occasioni per tuffarsi nel mondo di carta.

Book crossing: nuova opportunità al Faber box

Nasce al Faber Box un nuovo punto di riferimento per lo scambio gratuito di libri, secondo la felice e ormai diffusa pratica del Book crossing. Schio non è nuova a questo tipo di iniziative tant’è che nel 2012 fu inaugurato, nel centrale Parco Donatori di sangue, l’apprezzato “Albero dei libri”, promosso dalla professoressa Gianna Costa.
Nel maggio 2018 la città di Schio ha presentato la propria candidatura all’iniziativa “Città che legge”, ottenuta anche grazie al Patto di Lettura sottoscritto in città tra enti pubblici, istituti scolastici e liberi cittadine e cittadini.

Patto di lettura

Tra gli obiettivi principali del patto, la diffusione del libro e la sua promozione, anche attraverso attivazione di punti di interscambio gratuiti di libri, i Book crossing.
Dall'”Albero dei libri” alla “Panca Rossa” dell’Informagiovani che corre lungo l’ultimo piano del Faber Box e che ospiterà il nuovo punto, altri Book crossing sono stati attivati a Schio:
allo Sportello “Qui cittadino” allo “Sportello Donna”, al centro INPS di Via Maraschin. Come dire che anche l’attesa a uno sportello può essere arricchita e rallegrata da un libro.

Soddisfazione da Palazzo

“I libri devono far parte della vita quotidiana di ciascuno, la loro presenza, silenziosa ma preziosa, è un dato scontato – dichiara l’assessore alle Politiche Giovanili Barbara Corzato – La lunga panca rossa è pronta ad accogliere questo nuovo servizio che rende ancora più versatile e accogliente il Break Box, lo spazio dell’Informagiovani dedicato alla meditazione, all’incontro, al relax e allo scambio di esperienze.”
C’è infine da registrare che i buoni esempi fanno notizia: una giornalista serba, presente a Schio per una breve vacanza, era rimasta colpita dall’albero dei libri e ne aveva dato diffusione sui media del suo Paese.