Anniversario alpini Valdagno, tre giorni di festa

Tutto è pronto per ospitare le migliaia di penne nere che animeranno la vallata il 5, 6 e 7 aprile prossimo.

Anniversario alpini Valdagno, tre giorni di festa
, 30 Marzo 2019 ore 16:00

I festeggiamenti per il novantesimo della fondazione della Sezione A.N.A. di Valdagno entrano nel vivo. Tutto è pronto per la tre giorni che la prossima settimana, il 5, 6 e 7 aprile, catapulterà nella vallata dell’Agno migliaia di penne nere.

Esercitazione triveneta di Protezione civile

Alla vigilia della grande Adunata Intersezionale di domenica 7 aprile, si terrà l’annuale esercitazione triveneta di Protezione Civile A.N.A. che vedrà all’opera mille volontari in un totale di 40 cantieri attivi nei sette comuni della Sezione A.N.A. di Valdagno. Le squadre impiegate arriveranno da ogni angolo di Veneto, Trentino e Friuli Venezia Giulia. A supervisionare i lavori non mancheranno i sindaci e i tecnici, ma anche i vertici dell’associazione alpini, con il presidente nazionale Sebastiano Favero che passerà in rassegna le truppe accompagnato dal presidente della sezione valdagnese Enrico Crocco.

Sette i comuni coinvolti

Nell'esercitazione saranno coinvolti i 7 comuni della vallata dell'Agno, con l'apertura di 2 centri di accreditamento a Valdagno e Cornedo. Nella sede della Protezione Civile A.N.A. sarà allestita la sala operativa dove saranno presenti i referenti del dipartimento di Protezione Civile, della Regione Veneto, della Provincia di Vicenza, dell’Associazione nazionale alpini Truppe Alpine, oltre ad altre realtà locali di protezione civile. Da qui saranno gestite tutte le attività legate all'esercitazione.

Un segno tangibile

“Tante sono le specializzazioni dei nostri volontari - spiega Giuseppe Vignaga, coordinatore dei cantieri dell’Esercitazione Triveneta - e il prossimo sabato sarà l’occasione giusta per darne dimostrazione. I mille volontari che vedremo all’opera lasceranno letteralmente il segno del loro passaggio, restituendo ai comuni e ai cittadini pezzi di città che oggi sono sporchi, in disordine, invasi da rovi e sterpaglie, mettendo in sicurezza altre zone delicate e facendo respirare nel complesso lo spirito di servizio alla popolazione che da sempre guida il nostro impegno. Il nostro ringraziamento va ai sindaci e ai tecnici dei comuni coinvolti, per la professionalità e la disponibilità dimostrate nell’individuazione degli interventi da realizzare nel corso dell’esercitazione e nel supporto che ci stanno assicurando per l’intera manifestazione.”