Allagamenti

Allerta arancione per maltempo, oltre 20 le operazioni dei pompieri nel Vicentino

In seguito ai forti temporali della notte in diverse zone del Veneto centrale, sono stati aperti i bacini di laminazione di Montebello e sull’Orolo. Valutazioni in corso per aprirne anche altri

Pubblicato:
Aggiornato:

Nella notte e nella mattinata di oggi, venerdì 31 maggio 2024, forti piogge hanno interessato la provincia di Vicenza, provocando diversi allagamenti. Mentre vengono aperti i bacini di laminazione sull'Orolo e a Montebello, la Regione continua a monitorare la situazione in tutto il territorio.

(in copertina: immagine di repertorio)

Torna il maltempo nel vicentino

Sono oltre 20 le operazioni dei vigili del fuoco, in seguito alle forti piogge che questa notte e questa mattina hanno interessato la Provincia di Vicenza. Le squadre per allagamenti sono intervenute su alcune strade allagate a San Vito di Leguzzano e per un'esondazione di alcune rogge a Malo.

Oltre a questi due Comuni, ad essere colpiti maggiormente dall'allerta arancione di oggi, sono stati anche: Valdagno, Sandrigo, San Germano dei Berici, Cornedo Vicentino, Schio, e Villaverla.

 

La Regione continua a monitorare il maltempo

La situazione meteo in tutta la Regione Veneto è in rapida evoluzione. Al momento, sono stati aperti i bacini di laminazione di Montebello e sull'Orolo, mentre si sta ancora valutando la necessità di aprine altri.

Il Presidente della Regione, Luca Zaia, insieme all'Assessore regionale alla Protezione Civile, Gianpaolo Bottacin, stanno monitorando costantemente la situazione.

Zaia e Bottacin in conferenza stampa

"All’allerta gialla idrogeologica per temporali in tutto il Veneto e arancione, di preallarme, in alcuni bacini diramata ieri dalla Protezione Civile sono seguite questa notte precipitazioni particolarmente intense", afferma il Presidente Zaia. "Stiamo seguendo minuto per minuto l’evolvere delle piogge, che risultano a tratti abbondanti, e degli impatti sui vari territori".

"Abbiamo alcune segnalazioni di difficoltà e danni dai territori del litorale e del Veneto centrale. Monitoriamo l’evoluzione con tutti i mezzi in campo. Ringrazio tutte le persone, tecnici, volontari, operatori di ogni ambito che stanno lavorando per far sì che la fase più critica sia superata con il minor disagio possibile".

Di seguito, uno degli ultimi aggiornamenti, pubblicati dall'Assessore regionale Bottacin:

La situazione nelle altre province

Ad essere maggiormente colpite dal maltempo sono state le zone centro settentrionali. Precipitazioni significative hanno colpito il Padovano centrale, con 28 mm a Galzignano, e 29 a Legnaro, in circa 6 ore. Altra zona ad essere colpita è stato il Veneziano centro settentrionale, dove rovesci e temporali intensi hanno portato a piogge incessanti nella zona di Eraclea (35 mm in un'ora), e Bibione (78 mm in un'ora).

Verso le 7.00 di questa mattina, forti rovesci sono stati registrati anche nell'Alto Veneziano, che si sono spostati in Friuli. Ad ovest, invece, un temporale piuttosto esteso si è concentrato tra Modena e i Lessini, con rovesci anche forti nella zona di Peschiera (31 mm in un'ora).

Fortunatamente, i livelli dei corsi d'acqua non hanno risentito particolarmente delle precipitazioni durante la notte. Più nel dettaglio, grazie all'apertura del bacino sull'Orolo, il Bacchiglione a Vicenza si è stabilizzato velocemente, superando di poco la soglia dei 5 metri, fortunatamente senza causare particolari disagi. Di seguito, l'aggiornaemento della pagina Facebook "Meteo Basssano e Pedemontana del Grappa", in merito:

Tempo in miglioramento e fiumi in calo

Secondo quanto comunicato dal Comune di Vicenza, la perturbazione è cessata sul territorio vicentino, e i livelli del fiume Bacchiglione e Retrone stanno scendendo lentamente, dopo aver raggiunto rispettivamente i 5.02 metri a Ponte degli Angeli, e i 2,11 metri a Sant'Agostino.

In collaborazione con il Coc, il gruppo comunale della Protezione Civile ha tenuto sotto controllo le zone critiche della città. Amcps ha verificato la predisposizione delle pompe di propria competenza e Viacqua ha installato in via precauzionale le idrovore a protezione della zona dello Stadio, quando il Bacchiglione ha raggiunto i 4 metri. Fortunatamente, nella giornata di oggi non sono state riscontrate problematiche particolari.

Stando a quanto riportato dall'ultimo bolletino meteo, a Vicenza è stato dichiarato lo stato di criticità giallo per il solo rischio idraulico, dalle ore 20.00 di questa sera, fino alle ore 14.00 di domani, sabato 1° giugno. Ciononostante, nell'attesa di ulteriori sviluppi, il Coc rimane operativo, insieme a una squadra della Protezione Civile.

Eventuali segnalazioni vanno inoltrate alla centrale operativa della polizia locale che risponde fino all’1 di questa notte allo 0444545311.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali