L'iniziativa

La storia di Stefano, il viaggiatore di Vicenza che non si è arreso alla sclerosi multipla

Il vicentino è uno dei 7 protagonisti della campagna #ScaccoMatto: storie audaci di persone con Sclerosi Multipla, realizzato da Novartis Italia in collaborazione con AISM – Associazione Italiana Sclerosi Multipla e da un team di esperti clinici.

Attualità Vicenza, 20 Maggio 2021 ore 10:19

Scacco Matto racconta le storie reali di 7 persone che convivono con la SM. Sono storie di riscatto che possono essere d’esempio e d’ispirazione per chi ancora deve iniziare la sua partita contro la malattia, non ha trovato la giusta strategia e non è riuscito mettere a segno il proprio personale scacco matto nella partita con la SM.

La storia di Stefano, il viaggiatore di Vicenza che non si è arreso alla sclerosi multipla

Attraverso i video di Stefano, Valentina, Alessio, Anna, Chiara e Marco, Scacco Matto racconta la Sclerosi Multipla e le sue diverse forme e al contempo mostra come, con la determinazione del singolo, il giusto approccio terapeutico e il sostegno dei propri cari, una persona, a fronte di una diagnosi di SM, possa avere una qualità di vita non distante da chi non è colpito dalla malattia.

La Campagna, dalla forte matrice digital, vive sulla pagina Facebook @BrainzoneIT e sul nuovo sito di Novartis dedicato alla Sclerosi Multipla ww.livinglikeyou.com/it e mette a disposizione di pazienti e famigliari 7 video racconti, una serie di podcast e 8 minipillole realizzate in collaborazione con due neurologi e due rappresentanti di AISM – Associazione Italiana Sclerosi Multipla, il team di esperti che ha collaborato alla creazione di Scacco Matto.

Stefano, il viaggiatore che ha trovato un nuovo se stesso

La diagnosi per Stefano fu un duro colpo che lo portò a lottare contro sé stesso a livello emotivo, a non accettarsi, a non riconoscersi più. Quattro anni di rabbia e disperazione durante i quali si è chiuso in sé stesso. Un giorno, nel 2011, alla fine di luglio, sceglie di partire da solo alla scoperta della Basilicata, dandosi un obiettivo di viaggio: visitare Craco, un paese quasi deserto in cui ritrovarsi.

Un proverbio cinese recita: “Chi torna da un viaggio non è mai la stessa persona che è partita”.

È quello che è successo a Stefano: lasciando la Basilicata si promette che si sarebbe ribellato alla visione di abbandono che aveva attraversato fino a quel momento: ha cominciato a parlare della sua malattia e a scoprire che in fondo non fa così paura né agli altri e tutto sommato neanche a lui, che ci può convivere, senza dover rinunciare alle cose belle della vita, ai progetti, ai sogni e che ogni tanto si può e si deve dire sì a chi ti tende la mano, per offrire aiuto o anche solo un posto dove dormire.

Video dall pagina Facebook @BrainzoneIT