Attualità
Vicenza

Forte incremento dei contagi, aggiunti 20 nuovi posti letto a Santorso

Questo provvedimento comporta una riduzione della capacità di accoglimento dei pazienti con patologia non Covid in ambito internistico.

Forte incremento dei contagi, aggiunti 20 nuovi posti letto a Santorso
Attualità Vicenza, 07 Gennaio 2022 ore 10:13

In risposta all’ulteriore significativo incremento dei contagi, che hanno ormai superato la soglia dei 1.000 nuovi casi quotidiani, l’Ulss 7 Pedemontana si prepara a far fronte ad una probabile crescita dei ricoveri Covid nei prossimi giorni, varando ulteriori provvedimenti organizzativi.

Forte incremento dei contagi

Più in dettaglio, presso l’ospedale di Santorso saranno attivati ulteriori 20 posti letto Covid, che si aggiungono ai 68 attualmente previsti, ottenuti convertendo la Medicina d’Urgenza in area Covid (ferma restando la piena operatività del Pronto Soccorso nell’accoglienza di tutte le tipologie di pazienti). Parallelamente saranno aggiunti ulteriori 2 posti letto in Terapia Intensiva, per un totale di 14, ferma restando la possibilità di arrivare fino a 20, come previsto dal piano emergenziale.

Questo provvedimento comporta una riduzione della capacità di accoglimento dei pazienti con patologia non Covid in ambito internistico. Pertanto è stata prevista una ridistribuzione dei ricoveri di area medica nei tre ospedali dell’Azienda, che continueranno a collaborare in maniera integrata.

La pressione dei ricoveri dovuti alla pandemia nelle ultime settimane sta crescendo lentamente ma in maniera costante, sia nei reparti Covid che in rianimazione, pertanto in questa ulteriore ondata pandemica la priorità ritorna ad essere la gestione dei pazienti Covid.

Conversione aree Covid

A questo riguardo, si ricorda che la stessa conversione delle aree Covid dell'ospedale di Bassano (45 i letti Covid attivati, ai quali si aggiungono 6 posti letto in Terapia Intensiva per pazienti positivi su un totale di 14) ha già comportato la conversione della Pneumologia in Pneumologia Covid, una drastica riduzione dell’attività della Cardiologia Bassano ( i cui letti ordinari, ridotti, sono stati 'trasferiti' in UCIC, l’unità cardiologica intensiva per complessivi 16 posti letto) e la riduzione dei posti letto in Nefrologia e Gastroenterologia.
Alla luce delle variazioni organizzative già apportate, in questa nuova fase l’ospedale San Bassiano avrà il compito di garantire la collaborazione per accogliere i pazienti Covid negativi, mantenendo invariati i posti letto Covid già attivati.

L’ospedale di Asiago, invece, continuerà a essere dedicato ai pazienti negativi e di supporto per i ricoveri in area medica provenienti dagli altri ospedali.

Per quanto riguarda le attività chirurgiche, come già comunicato si è resa necessaria una riduzione delle attività programmate garantendo solo le prestazioni con maggiore priorità: attualmente l’attività chirurgica si svolge su 5 sale operatorie nell’ospedale di Bassano e altrettante a Santorso, mentre è stata temporaneamente sospesa all’ospedale di Asiago.
Questo, in linea con le linee guida regionali, consente di dare risposta alle necessità chirurgiche urgenti, come ad esempio il trattamento dei traumi e gli interventi per patologie oncologiche, in primis, fermo restando la possibilità di effettuare interventi che, a giudizio del clinico, presentano un rischio concreto di evoluzione negativa. Viene inoltre garantita in ogni ospedale il trattamento delle patologie tempo-dipendenti, quali l’ictus e l’infarto.

Parallelamente, lo sforzo riorganizzativo sta coinvolgendo anche le strutture territoriali: la già avvenuta completa conversione dell'Ospedale di Comunità di Marostica in area Covid (28 letti), con conseguente sospensione dell'Unità Riabilitativa Territoriale URT), ha comportato e sta comportando la dimissione dei pazienti del Distretto di Bassano ed il successivo trasferimento verso strutture territoriali del Distretto Alto Vicentino. Proprio per rispondere a questo fabbisogno di accoglienza di pazienti non Covid internistici, i 18 posti letto messi a disposizione dal Centro Servizi Muzan di Malo - inizialmente utilizzati per pazienti Covid - sono stati destinati già da alcuni giorni all’accoglienza di pazienti negativi.

Potenziamento degli impianti per l'ossigeno

Di fronte all’attuale scenario, con un probabile ulteriore incremento dei ricoveri Covid nei prossimi giorni, la scelta di aprire ulteriori posti letto a Santorso è inevitabile ed è legata a motivi strutturali: grazie anche agli interventi di potenziamento degli impianti per l’ossigeno portati a termine nei mesi scorsi, l’ospedale di Santorso garantisce una capacità di accoglienza superiore.

Allo stesso tempo, come si evidenzia considerando le misure intraprese nel loro insieme, rimane forte l’impegno dell’ULSS 7 Pedemontana a ridurre il più possibile le ricadute sulle attività rivolte ai pazienti negativi, grazie soprattutto alla strategia messa in campo per affrontare questa quarta ondata, basata su un’integrazione e cooperazione molto stretta tra gli ospedali di Santorso, Bassano e Asiago, oltre alle strutture territoriali, che stanno lavorando insieme per gestire al meglio una situazione di grave emergenza, ciascuno con le proprie caratteristiche e possibilità. Per questo motivo la Direzione ringrazia tutto il personale sanitario per il grande impegno, ma anche per lo spirito di servizio, la flessibilità e la disponibilità che sta dimostrando.