Attualità
Dati

Classifica criminalità livello basso a Vicenza, Rucco: "Grandi investimenti sulla sicurezza"

Il dato relativo ai reati legati allo spaccio di droga che pone Vicenza al quinto posto in Italia per il minor numero di episodi.

Classifica criminalità livello basso a Vicenza, Rucco: "Grandi investimenti sulla sicurezza"
Attualità Vicenza, 27 Ottobre 2021 ore 10:12

Il quotidiano "Il Sole 24 Ore" ha reso noti i risultati di un'indagine a livello nazionale sull'indice della criminalità condotta sulla base dei dati del dipartimento di Pubblica Sicurezza del ministero dell'Interno per l'anno 2020.

Classifica criminalità livello basso a Vicenza

La città, oltre che la provincia, con l'indice più alto risulta essere Milano (1°), seguita da Bologna (2°) e Rimini (3°) mentre Vicenza, nella classifica a scalare, occupa un rassicurante 73° posto su 106, facendo meglio in Veneto di Venezia (18°), Padova (27°) e Verona (54°).

Guardando poi nello specifico, voce per voce, spicca il 102° posto per i reati legati agli stupefacenti, con un indice tra i più bassi in Italia, così come per le contraffazioni (104°), le minacce (97°), le percosse (92°), le estorsioni (94°) e i tentati omicidi (96°).

Dati positivi

Il reato che ha fatto registrare il più alto numero di denunce a Vicenza e provincia è quello delle truffe e frodi informatiche (17° posto), seguito da furti in abitazione (22°), violenze sessuali (35°) e furti su auto in sosta (36°).

"Sono dati complessivamente positivi – commenta il sindaco di Vicenza e presidente della provincia Francesco Rucco – che confermano l'ottimo lavoro svolto dal Comitato per l’ordine e la sicurezza provinciale che vede coinvolti il prefetto, il questore e i comandanti di Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Locale che ringrazio per il loro costante impegno e la grande collaborazione”.

Il sindaco ha poi concluso:

“Voglio evidenziare il dato relativo ai reati legati allo spaccio di droga che pone Vicenza al 5° posto in Italia per il minor numero di episodi, una vera e propria conferma del fatto che su questo fronte si sta lavorando molto, anche se non dobbiamo mollare la presa. Il livello di criminalità è, quindi, generalmente basso, ma dobbiamo continuare a lavorare in questa direzione tutti uniti".