Attualità
Riorganizzazione

Carenza personale Ulss 7, Possamai (PD): “Il problema non si risolve chiudendo le sedi”

E' stata resa noto la soppressione, a partire dal primo dicembre, di ben sei presidi.

Carenza personale Ulss 7, Possamai (PD): “Il problema non si risolve chiudendo le sedi”
Attualità Thiene e Valdastico, 29 Novembre 2021 ore 10:25

La carenza di personale è oggettiva, ma Giacomo Possamai ha ribadito che il problema non si risolve chiudendo le sedi, aggravando il problema anziché risolverlo.

Carenza personale

“Non è pensabile lasciare migliaia di cittadini senza il servizio di Guardia medica: la carenza di personale è oggettiva, ma non si risolve chiudendo le sedi, aggravando il problema anziché risolverlo. Non è una responsabilità diretta dell’Ulss 7, però è evidente che non è frutto del caso, bensì di una programmazione sbagliata che parte da lontano. E adesso va trovata una soluzione per tornare in tempi ragionevoli alla normalità”.

Così il capogruppo del Partito Democratico Giacomo Possamai interviene sulla soppressione, a partire dal primo dicembre, di ben sei presidi: Conco, Marostica, Rosà, Schio, Thiene e Valbrenta, con i servizi accorpati a Bassano, Santorso e Asiago.

“Questa riorganizzazione, che passa dalla chiusura di numerose sedi, creerà disagi all’intero territorio come stanno evidenziando anche i sindaci, peserà soprattutto nelle valli e nelle zone montane dove già c’è il problema della mancanza di medici di base: è grave privarli di un ulteriore presidio, soprattutto in caso di emergenze. Sappiamo tutti che è un tema nazionale, è però altrettanto vero che la situazione in Veneto è particolarmente delicata: una situazione analoga c’è già stata in provincia di Treviso e abbiamo il record nazionale di zone carenti. Limitarsi a sollecitare il Governo non è sufficiente, anche la programmazione regionale deve essere rivista”.