Menu
Cerca

“Processo a Gesù”, alla ricerca della verità

Al Ridotto del Teatro Politeama l’opera di Diego Fabbri con la regia di Maurizio Panici.

“Processo a Gesù”, alla ricerca della verità
Altro Bassano, 08 Aprile 2019 ore 14:07

“Processo a Gesù”, alla ricerca della verità

“Processo a Gesù”, di Diego Fabbri e regia di Maurizio Panici, chiude la straordinaria rassegna teatrale al Ridotto del Teatro Politeama di Marostica, (a grande richiesta, vista l’importante affluenza) in tre rappresentazioni, venerdì 12 aprile (ore 21), sabato 13 aprile (ore 21) e domenica 14 aprile (ore 18). In scena gli attori della compagnia Teatris, nella loro nuova prova messa in scena dal direttore artistico Maurizio Panici che, dopo il debutto del 2016, rielabora l’opera per Marostica, continuando sulla via del teatro di produzione intrapresa per la cittadina scaligera.

Dopo venti secoli, ancora oggi il “processo a Gesù” è monito e richiamo forte per la ricerca della “verità”, una ricerca profonda che superi quella di una facile verità, inseguita da una moltitudine indistinta di individui. Assetati di giustizia sommaria, mossi da una piazza che oggi come allora antepone gli egoismi personali e i vantaggi di qualsiasi natura (economica,privilegio, regalia etc.) alla solidarietà. Questo testo parla a quanti ancora dopo secoli, compiono un cammino di sofferenza fino al limite della sopravvivenza, non ascoltati, non visti, invisibili. In una società che riconosce solo i vincenti e il successo, ancora una volta Fabbri ci pone una domanda ineludibile: chi può chiamarsi fuori? chi può ancora assistere inerte alla deriva profonda che stiamo attraversando in questi anni? chi può chiudere gli occhi di fronte alla assoluta mancanza di valori della nostra epoca?chi è complice di una visione “materialistica e criminale” della società civile. Oggi ancora una volta risuona alto l’urlo contro l’indifferenza, contro il voltarsi dall’altra parte, pur di non vedere, pur di non essere coinvolti. “Siamo tutti Pilato?” Ancora una volta queste domande risuoneranno alte nello spazio (il teatro) che da sempre vede la comunità degli uomini specchiarsi, interrogarsi, partecipare al percorso doloroso dei protagonisti. Processo a Gesùmette in moto quel viaggio misterioso e profondo che solo il teatro rende visibile attraverso l’esperienza che si fa carne, attraverso la parola che accompagna lo spettatore e i protagonisti in un labirinto di passioni, ragioni e sentimenti. 

Ne parla il regista Panici

“Teatro nel teatro, esempio alto di rappresentazione, questo testo di Diego Fabbri è uno dei più coinvolgenti della sua produzione drammatica Lo spazio scenico scelto per la rappresentazione è un’agorà dove ancora una volta si incontrano e si scontrano le ragioni dei protagonisti del “processo” e quelle degli spettatori chiamati ad assistere in maniera partecipata all’epifania della serata e alla sua naturale conclusione. Trovo in questo testo, la stessa inquietudine di alcune opere di Pirandello, quelle indagini profonde dell’animo umano che mostrano fin nel profondo le debolezze, le pulsioni più ancestrali degli individui osservati, mi muove la stessa tensione che mosse le avanguardie teatrali degli anni ’70 a rompere gli usurati schemi della “rappresentazione” alla ricerca di una “verità scenica” che riconsegnasse al teatro la sua funzione più nobile”.E prosegue:“Questo è un testo che ha bisogno di attori che sconfinino con naturalezza dalla condizione di testimoni/personaggi a quella di una “umanità assente”, attori che abbiano la capacità di farci sentire tutti dentro questa “immensa piazza” che è il mondo”.

Gli interpreti

“Processo a Gesù” è interpretato da Denis Dalla Palma, Alessandra Signori, Fabio Valerio, Francesca Tres, Fabrizio Bernar, Francesca Scomparin, Laura Primon, Marta Tissi, Riccardo Cavallin, Tobia Rizzato.