Allerta alimentare

Tossine nei formaggi romagnoli: ritirati dal mercato

Non consumate i formaggi e i latticini con i numeri di lotto segnalati e restituiteli al punto vendita d’acquisto.

Tossine nei formaggi romagnoli: ritirati dal mercato
14 Ottobre 2020 ore 11:00

Il ministero della Salute ha diffuso il richiamo di diversi formaggi freschi e latticini del Caseificio Pascoli per il rischio chimico per la presenza di aflatossine M1. Nello specifico sono interessati nove lotti di prodotti tra squacquerone, squacquerone di Romagna Dop, ricotta di siero, nuvola di latte, bucciatello del Rubicone, bazzotto di Romagna semitenero e Casatella venduti in diversi formati e grammature così di seguito indicati:

  • Squacquerone, lotto SR111/3B/02 con scadenza 16/10/2020 in vaschette da 2×800 g;
  • Squacquerone di Romagna Dop, lotto SR111/1/02 con scadenze 16/10/2020, 17/10/2020 e 18/10/2020 in vaschette da 350 g, 800 g, 2×800 g e 4×800 g;
  • Squacquerone di Romagna Dop, lotto SR111/2/02 con scadenze 14/10/2020, 15/10/2020, 16/10/2020 e 17/10/2020 in vaschette da 300 g, 350 g, 800 g e 2×800 grammi;
  • Squacquerone di Romagna Dop, lotto SR111/3/02 con scadenze 16/10/2020, 17/10/2020 e 18/10/2020 in vaschette da 350 g, 800 g e 2×800 grammi;
  • Ricotta di siero, lotto SR111/6/02 con scadenze 11/10/2020, 17/10/2020, 18/10/2020, 20/10/2020 e 21/10/202 in forme intere;
  • Nuvola di latte, lotto SR111/5/02 con scadenza 15/10/2020 in forme intere;
  • Bucciatello del Rubicone, lotto SR111/4/02 con scadenza 20/10/2020 e 23/10/2020 in forme intere;
  • Bazzotto di Romagna semitenero, lotto SR111/2B/02 con scadenza 20/10/2020 e 22/10/2020 in forme intere;
  • Casatella, lotto SR111/1C/02 con scadenza 16/10/2020, 17/10/2020 e 18/10/2020 in vaschette da 300 g, 350 g, 800 g e 2×800 grammi.

Richiamo formaggi romagnoli per tossine

I formaggi e i latticini richiamati sono stati prodotti dal Caseificio Pascoli Srl a Savigliano sul Rubicone in provincia di Forlì-Cesena nello stabilimento di via Rubicone Dx n 220.

Pertanto Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, per una tutela della salute dei consumatori, raccomanda di non consumare i formaggi e i latticini con i numeri di lotto segnalati e restituirli al punto vendita d’acquisto a scopo precauzionale, di non consumare il burro di arachidi con il numero di lotto segnalato e restituirlo al punto vendita d’acquisto. Si ricorda che l’autorità, in questo caso il Ministero della Salute, può anche stabilire la revoca del ritiro e del richiamo dei prodotti.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità